Politica

Ultima modifica: 27 Maggio 2019 20:23

Front Valdôtain: “Avanti con il progetto di governo se non cambiano le condizioni”

Aosta - Il Front Valdôtain del Presidente del Consiglio Emily Rini aveva lasciato ai suoi aderenti e simpatizzanti libertà di voto.

Front ValdôtainFront Valdôtain

“Piena lealtà” al progetto di governo sottoscritto il 10 dicembre 2018, “a meno che non cambino nel frattempo le sue condizioni, fermo restando che l’innegabile successo delle forze moderate del centrodestra in Valle dovrà da tutti essere tenuto in debita considerazione”.  Così il portavoce del Front Valdôtain, Marco Busanelli sui riflessi in piazza Deffeyes del voto di ieri.

La Lega con il 37,17%, Forza Italia al 5,38% e ancora Fratelli d’Italia al 3,35%. Non può che dirsi soddisfatto il Front Valdôtain del Presidente del Consiglio Emily Rini, guardando ai risultati del centrodestra in Valle d’Aosta. 
Il neo movimento, presentato poco meno di un mese fa, aveva lasciato ai suoi aderenti e simpatizzanti libertà di voto.

“Se da una parte, infatti, la Lega si è affermata di slancio come primo partito nella nostra regione, dall’altra Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno complessivamente più che raddoppiato la loro presenza in termini di voti e quasi triplicato il loro ‘peso’ in termini percentuali sul panorama politico valdostano rispetto alle ultime elezioni” ricorda in una nota il Front, candidandosi ad unire e rafforzare l’area moderata del centrodestra valdostano.

“Siamo soddisfatti di quanto emerso ieri dalle urne – commenta Emily Rini, rappresentante del Front Valdôtain all’interno del Consiglio regionale – in quanto una parte di elettori non certo trascurabile, pur in un momento di difficoltà, ha comunque dimostrato di sapersi e di volersi riconoscere in un’area, quella di centro che guarda al centrodestra, che in Valle d’Aosta può soltanto lavorare per crescere, per dare voce a quell’elettorato, anche autonomista, alla ricerca di una collocazione che poggi su basi serie, credibili, solide e di prospettiva”.

Altro motivo di soddisfazione per il Front è l’elezione “dell’amico Alberto Cirio alla guida della Regione Piemonte con il quale andranno discussi “dossier interregionali di fondamentale importanza come quelli della ferrovia o delle reti sanitarie”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>