Politica di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 29 Dicembre 2020 22:40

Gli assessori Pcp non votano la costituzione in giudizio per la Legge sulle riaperture. Lavevaz: “Nessuno scricchiolio”

Aosta - Gli assessori Minelli e Guichardaz non hanno votato la delibera della Giunta sulla costituzione nel giudizio di legittimità costituzionale. Il Presidente della Regione para il colpo: "Se ci fossero scricchiolii in maggioranza lo saprei, non ne ho sentore. Sarebbe una cosa da irresponsabili". La Lega parte all'attacco.

La Giunta regionaleLa Giunta regionale

Mentre la Giunta regionale ha deciso la costituzione in giudizio per la Legge sulle riaperture, impugnata dalla Presidenza del Consiglio, qualcosa nell’Esecutivo si rompe.

O meglio, si rompe nuovamente dopo la spaccatura di maggioranza in Consiglio al momento del voto della Legge stessa, con l’astensione del Progetto civico progressista.

Gli assessori in quota Pcp Chiara Minelli e Jean-Pierre Guichardaz non hanno infatti votato la delibera della Giunta sulla costituzione nel giudizio di legittimità costituzionale.

In conferenza stampa, sui “cigolii di maggioranza”, il Presidente della Regione Erik Lavevaz fa il pompiere lanciando al contempo un avviso ai naviganti: “Se ci fossero scricchiolii in maggioranza lo saprei – ha spiegato -, al momento non ne ho sentore. Sarebbe una cosa da irresponsabili nel pieno di una pandemia. Certo, ci sono aspetti organizzativi che vanno aggiustati, anche nelle maglie della politica, nel rapporto tra il governo, quelli con il Consiglio e con la maggioranza

Poi corregge parzialmente il tiro: “In Consiglio e sulla legge sulle riaperture ce ne son stati, e credo che la questione sulla costituzione in giudizio sia la conseguenza”.

La Lega attacca

Stefano Aggravi Lega
Stefano Aggravi, Lega

Mentre Lavevaz cerca di sedare i dissidi interni alla sua maggioranza, dai banchi dell’opposizione la Lega Vallée d’Aoste carica a testa bassa.

Via Facebook il consigliere Stefano Aggravi scrive un post acuminato, tutto all’attacco: “Quindi ora sappiamo che su ogni differenza programmatica ci sentiremo dire dal Pop che le nostre iniziative consiliari sono ‘di uso strumentale’ e soprattutto che proprio su questi temi le ‘posizioni (in maggioranza) sono diverse’? Dunque, quando all’insediamento di questo Governo abbiamo posto l’attenzione su tutta una serie di temi che non venivano trattati chiaramente nel Programma di legislatura o per cui si rimandava alle future scelte del Consiglio (e Cime bianche ne rappresenta soltanto uno) avevamo ragione nel credere che su tante questioni la discussione in maggioranza fosse stata, in quel frangente, rimandata”.

Aggravi tenta il più classico degli schemi, l’infilo nella crepa, per allargare il buco: “Capiamo anche perché si sia scelto di rinviare la definizione del Defr – aggiunge il consigliere leghista -, pur in presenza di un Programma di legislatura depositato. Vuoi vedere che ci sono differenze significative eposizioni differentisu tanti e troppi temi che devono ancora essere risolti? Mi chiedo, quindi, se tutte queste differenze saranno di aiuto ai valdostani che dovranno aspettare i tempi della discussione politica dell’attuale maggioranza prima di vedere risposte concrete su tante questioni e problemi che la Valle d’Aosta conosce da troppo tempo”.

Nessun “braccio di ferro” con Roma

Se dal Governo i segnali in uscita sono tutti improntati all’unità di intenti e alle “sinergie”, la domanda sulla “cesura” con la capitale sembra conclamata. Legge sulle riaperture in primis.

Lavevaz respinge l’ipotesi: “Non c’è un particolare braccio di ferrocon Roma. Ci sarà un’udienza per una eventuale sospensiva il 13 gennaio che determinerà il destino immediato della Legge 11. Sul resto non c’è nessuna volontà di arrivare a prese di posizione preconcette, ma quella legittima di poter applicare e rendere applicabile sul nostro territorio i vari Dpcm, sia per le nostre peculiarità sia per la nostra economia. Ciò che ne è conseguito è la voltonà di trovare quanto prima un ‘punto di caduta’ che sia migliore per costruire da qui in avanti. Nessun ‘braccio di ferro’ ad oltranza”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Un commento su “Gli assessori Pcp non votano la costituzione in giudizio per la Legge sulle riaperture. Lavevaz: “Nessuno scricchiolio””

  • La Grande Ammucchiata mostra già chiari sintomi di sfaldamento, con un gruppo, quello di pcp, che in teoria fa parte della maggioranza, ma gioca a fare la minoranza e si offre come sponda privilegiata per il governo di roma. Mica male.

Commenta questo articolo