Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 3 Dicembre 2020 8:21

Coronavirus: prova di forza della VdA sulle restrizioni, ma la maggioranza si spacca

Aosta - Approvata la legge che ricalca quella varata a maggio dalla Provincia di Bolzano, consentendo la riapertura di diverse attività. Astenuto il gruppo di Progetto Civico Progressista.

L'aula del Consiglio regionaleL'aula del Consiglio regionale

“Non so se questa legge sarà impugnata, poco importa, importa il segnale che diamo”. A chi questo segnale è rivolto, il Presidente della Regione Erik Lavevaz, nel suo intervento sulla proposta di legge presentata dalla Lega VdA e poi riscritta dalle “forze autonomiste di maggioranza”, omette di dirlo. Sicuramente nel mirino del Consiglio Valle c’è lo Stato, con cui da giorni si è aperto uno scontro, iniziato con l’ordinanza che consente la riapertura dei negozi di vicinato. Ma il segnale, politico, è anche rivolto alle forze di sinistra che hanno dato vita all’attuale governo regionale e con cui oggi si è consumato uno strappo.  Il voto che accompagna il varo della proposta di legge disegna una possibile nuova maggioranza in piazza Deffeyes: 28 sì (Lega+Uv+AV+Stella Alpina+Vda Unie +Pour l’Autonomie) e 7 astenuti (Progetto civico progressista).

Sulla scorta di quanto fatto a maggio dalla Provincia autonoma di Bolzano, la proposta di legge licenziata oggi pomeriggio permette alla Valle d’Aosta di adattare le misure nazionali di contrasto al Coronavirus alla realtà locale. Con l’entrata in vigore della legge sarà possibile la riapertura delle attività commerciali, dei servizi alla persona, bar e ristoranti, musei, biblioteche, alberghi, impianti a fune e ancora delle attività produttive industriali, artigianali e commerciali. A condizione però che sia possibile garantire il rispetto delle misure di sicurezza, fissate dai protocolli. Il Presidente della Regione, sentita l’attuale unità di supporto e coordinamento, potrà eventualmente sospendere alcune attività. Solo per i servizi alla prima infanzia e la scuola, università compresa, si applicherà invece la normativa statale.

“Questa legge è immediatamente applicativa perché i protocolli esistono” sottolinea il capogruppo della Lega VdA Andrea Manfrin. E poi rivolto a Lavevaz: “Presidente lei da oggi avrà uno strumento potente, sarà sua facoltà utilizzarlo, ma se non lo farà l’intera comunità valdostana gliene chiederà conto”.

I relatori non escludono la possibilità di impugnativa da parte dello Stato (l’analoga iniziativa di Bolzano, nonostante i proclami non lo fu) . “Questo progetto di legge, così come la coraggiosa ordinanza del Presidente, vanno nella direzione giusta.  – aggiunge Giulio Grosjacques dell’Uv – Siamo consapevoli dell’attenzione che a livello nazionale sarà dedicata ai nostri atti legislativi, ma è un rischio che corriamo volentieri perché la difesa delle nostre competenze statutarie è imprescindibile”.

L’articolato viene definito dal capogruppo di VdA Unie Claudio Restano “una cornice, ad oggi assente, per le numerose procedure emanate dal governo regionale e dall’unità di crisi.”. Un testo a difesa dell’autonomia, “fuori e dentro la regione” lo definisce invece il consigliere di Pour l’Autonomie Augusto Rollandin.

Dai banchi di minoranza e maggioranza lo Stato è accusato di non avere contezza della vita nei territori montani.  “Sembra che il problema di questo Stato sia la montagna nella sua interezza – dice il capogruppo di AV Albert Chatrian –  quando invece noi sappiamo che la montagna garantisce distanziamento sociale e la possibilità di operare in sicurezza”. Parole condivise dal  Presidente Lavevaz che in aula ricorda, nei confronti avuti in queste settimane, “la difficoltà del governo nazionale a capire le esigenze della montagna. L’impressione  è che si veda la montagna come un parco giochi per le grandi città”. 

Sull’astensione di Progetto Civico Progressista piovono le accuse di non “avere a cuore la Valle d’Aosta” e di non voler “difendere l’Autonomia”. Accuse respinte dall’Assessore regionale al Turismo Jean-Pierre Guichardaz. “Rischiamo di infilarci in un cul de sac pericoloso dal punto di vista sanitario e mi chiedo se il gioco valga la candela. Riaprire tutto con la sola osservanza di rispettare le misure di sicurezza rischia di farci ripiombare in una terza ondata peggiore, con il rischio di un isolamento della nostra regione, perché additata come non sicura sotto il profilo sanitario”.

Interviene anche la capogruppo di PCP Erika Guichardaz: “La salute e l’economia non possono essere contrapposti in una guerra di potere. Non possiamo illudere le persone, ma portare avanti della proposte concrete a beneficio delle nostre attività, come abbiamo fatto sostenendo l’ordinanza del Presidente Lavevaz e  come faremo, battendoci per la riapertura delle scuole una volta che saremo in zona arancione”. 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

9 commenti su “Coronavirus: prova di forza della VdA sulle restrizioni, ma la maggioranza si spacca”

  • Pseudoautonomisti che scopiazzano Bolzano (che però aveva istituito autonomamente la zona rossa) per ragioni elettorali, provvedimento demagogico dettato dalla Lega (che sul covid è su posizioni seminegazioniste, una maggioranza che è già allo sbando e un Lavevaz che è un burattino.

    Peccato che tutti i parametri della nostra regione la pongono totalmente in zona rossa, a cominciare dai decessi, multipli di quelli di tutte le altre regioni. Ma i morti non votano.

  • Lavevaz sta commettendo gli stessi errori di testolin, stesso partito, che a fine febbraio invitava i turisti a venire in valle “perchè sicura”. Pochi giorni dopo il Covid si sviluppava in maniera dirompente e poco tempo dopo tali improvvide dichiarazioni il medesimo invitava i residenti nelle seconde case a tornarsene alle rispettive regioni perchè la valle non poteva garantire a tutti assistenza.

    I motivi son sempre gli stessi, pressioni di piazza e non, motivi elettorali, farsi vedere decisionista verso certe menti semplici, mentre nella realtà si dimostra unicamente lo scarso se non inesistente spessore politico, la paura di perdere voti a favore della Lega che con Salvini ha detto tutto e il suo contrario, passando perfino a posizioni negazioniste, ce lo ricordiamo.

    Una terza ondata, dopo che questa non è affatto finita, sarebbe loro responsabilità.

  • Era ora che la caduta in disgrazia Regione Valle d’Aosta si riprendesse le sue prerogative, come previsto dallo Statuto Speciale. Era davvero tempo che un segnale venisse dato in tal senso.

  • Il titolo dell’articolo recita “prova di forza della Vda”.
    Nella realtà è una prova di debolezza palese perchè Lavevaz cede alle pressioni di chi vorrebbe aprire tutto e alla concorrenza leghista, che detta dall’opposizione la linea al governo regionale, incredibile ma vero, una linea che mette al primo posto la ricchezza a scapito della salute che le istituzioni, comprese quelle regionali, devono salvaguardare. Una linea che non è affatto lungimirante e pure antieconomica perchè come hanno dimostrato le amministrazioni lassiste sul covid alla Trump, facendo finta di niente l’economia è comunque collassata come i suoi cittadini.

  • Le uniche economia che si son risollevate adesso son quelle asiatiche che hanno prontamente e risolutamente circoscritto il virus.
    Se ci fosse stato al governo quel personaggio ridicolo e dannoso di Salvini che sul Covid ha cambiato idea ogni cambio del vento, adesso saremmo veramente messi male e molti di meno.

    Meno male che c’è CONTE.

    • E chi finisce all’ospedale per altri motivi si becca il Covid , visto che la sanità valdostana fa pena, grazie proprio ai partiti cosiddetti autonomisti che brandiscono la spada dell’autonomia solo quando gli fa comodo ma non la sanno usare a favore dei cittadini ma a loro uso e consumo.

Commenta questo articolo