Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 13 Maggio 2021 16:03

In Valle d’Aosta una legge sulle fattorie e l’agricoltura sociale

Aosta - Approvata oggi in Consiglio regionale. I diciannove articoli che compongono il provvedimento definiscono e regolamentano le diverse tipologie di attività - agricoltura sociale, fattorie sociali e fattorie didattiche - oltre che i soggetti deputati al loro esercizio, le misure di sostegno, l'istituzione dell'albo sociale e dell'Osservatorio regionale sull'agricoltura sociale.

Image by klimkin from PixabayImage by klimkin from Pixabay

Arriva una legge a normare in Valle d’Aosta l’attività di agricoltura sociale, fattorie sociali e fattorie didattiche. La proposta, presentata dai gruppi Lega VdA e Pour l’Autonomie e in seguito modificata in III e V Commissione, è stata licenziata con voto unanime oggi dal Consiglio regionale.

I diciannove articoli che compongono il provvedimento definiscono e regolamentano le diverse tipologie di attività – agricoltura sociale, fattorie sociali e fattorie didattiche – oltre che i soggetti deputati al loro esercizio, le misure di sostegno, l’istituzione dell’albo sociale e dell’Osservatorio regionale sull’agricoltura sociale, la creazione del logo, gli obblighi e i controlli sull’attività.

“La proposta si pone l’obiettivo di riconoscere le fattorie sociali e promuovere l’agricoltura sociale nella nostra regione, quale mezzo di inclusione di soggetti svantaggiati, oltreché di abilitazione e riabilitazione di persone con disabilità.  – ha ricordato in aula Andrea Manfrin, capogruppo Lega VdA – L’agricoltura sociale altro non è che la nuova e più avanzata espressione del ruolo multifunzionale dell’agricoltura: l’attività agricola diviene così in grado di generare benefici per fasce vulnerabili o svantaggiate della popolazione, dando luogo a servizi innovativi che possono anche costituire una forma efficace di risposta alla crisi dei tradizionali sistemi di assistenza sociale”.

La proposta di legge approvata, secondo Corrado Jordan di VdA Unie potrà favorire “lo sviluppo di progetti in grado di far parte della programmazione socio-sanitaria regionale territoriale. L’agricoltura sociale può, insomma, portare benefici alla società come erogatore di servizi sociali e contribuire al miglioramento della qualità dei servizi esistenti a vantaggio degli abitanti delle aree rurali.”

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo