“Infinite segnalazioni sulla pessima gestione dell’emergenza sanitaria”

L’ex presidente della Regione Nicoletta Spelgatti raccoglie l’attacco dei sindacati della sanità, formulato nei giorni scorsi con alcune note inviate ai giornali, e rilancia.
Nicoletta Spelgatti
Politica

L’ex presidente della Regione Nicoletta Spelgatti, oggi consigliera per la Lega in Consiglio Valle, raccoglie l’attacco dei sindacati della sanità, formulato nei giorni scorsi con alcune note inviate ai giornali, e rilancia. “Costituiscono degli atti di accusa pesantissimi – spiega Spelgatti – attraverso cui i diversi sindacati, a nome di tutto il personale sanitario che rappresentano, escono con un’unica voce, prendendo “le distanze da tutto ciò che sino ad ora è stato fatto per la gestione dell’emergenza nei suoi vari aspetti da politica e azienda USL“.

“In questi mesi di emergenza – continua Spelgatti – abbiamo avuto un’infinità di segnalazioni sulla pessima gestione dell’emergenza sanitaria e abbiamo vissuto il dilemma interiore della scelta tra il denunciare la verità di cosa stesse accadendo o il silenzio, in un momento così drammatico per i valdostani. Abbiamo optato per la via del silenzio perché nei momenti di paura e disperazione la gente non ha bisogno di sentir urlare ma ha il sacrosanto diritto di poter confidare quantomeno nella bontà delle scelte operate da coloro che hanno in mano le vite proprie e delle persone care. Queste vite sono state in ottime mani, quelle dei medici e degli operatori sanitari che hanno mostrato competenza e senso di abnegazione, facendo tutto ciò che era loro possibile per curare i malati. Ma oggi sono proprio medici ed operatori sanitari a lanciare un atto di accusa durissimo nei confronti della direzione dell’USL e del Governo.Non è una parte politica, non è l’opposizione, non è la Lega cattiva: sono coloro che tutti, compreso chi oggi è stato messo sotto accusa, hanno definito “i nostri angeli”. Coloro grazie ai quali tante vite sono state salvate. Valdostani, vi invito a riflettere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte