La Lega all’attacco del Piano della mobilità: “Rende più ‘green’ le tasche degli aostani”

A spiegarlo, in conferenza stampa, i consiglieri della Lega in Consiglio comunale. Oltre alle critiche, il Carroccio avanza delle proposte, come quella di un parcheggio pluripiano sotterraneo, nei pressi della "casa rossa" all'Arco di Augusto.
La conferenza stampa della Lega. Da sx: Togni, Spirli, Boldi e Manfrin
Politica

“Tutto il sistema traffico veicolare di Aosta ha delle carenze notevoli che con Piano urbano della mobilità sostenibile non si risolvono, anzi si accentueranno ancora di più. E lo faranno nelle previsioni del Pums stesso, che fa sì che vi sia, ed è stato apertamente dichiarato anche dai progettisti, una lotta all’uso dell’auto”.

A dirlo è Sergio Togni, capogruppo della Lega Vallée d’Aoste nel Consiglio comunale del capoluogo, durante una conferenza stampa organizzata per illustrare le osservazioni del “Carroccio” al Piano urbano della mobilità sostenibile della città. Un Piano che, ai consiglieri leghisti, non piace affatto.

“A nostro parere, ma non solo, perché raccogliamo le istanze della popolazione – ha spiegato la segretaria regionale Marialice Boldi -, il Piano presenta numerosi problemi dal momento che la circolazione, secondo i cittadini, ha subito notevoli difficoltà da quando sono stati messi in atto i primi provvedimenti da parte del Comune. E quanto c’è in previsione è ancora peggio”.

Tra le critiche al governo aostano anche le modalità, secondo la Lega un’imposizione d’imperio calata dall’alto: “Se come principio generale il Piano può anche essere condivisibile – sempre Togni -, questo va però portato avanti con un’attuazione delicata e progressiva. Cosa che non vediamo. Anzi, si parla della diminuzione della parte gratuita nella sosta a pagamento, la riduzione delle fasce gratuite, l’aumento di quelle a pagamento, il calo degli stalli bianchi. Con la visione che la sosta deve finanziare l’apparato, l’Amministrazione. Ed è una visione contraria alla nostra: per noi la sosta avviene sul terreno pubblico, di tutti, e quindi deve essere gratuita”.

Il prossimo Consiglio comunale

Lega che, intanto, annuncia alcuni atti che saranno presentati nel Consiglio comunale della prossima settimana. E la “questione Pums” torna diverse volte.

“Chiederemo a gran voce di rivedere il Piano tariffario della sosta, che così andrà solo a mettere le mani nelle tasche degli aostani – ha aggiunto la consigliera Sylvie Spirli -. Con queste tariffe assisteremo ad aumenti sostanziali in tutti i punti della città, eliminando la gratuità nella fascia 12-14 e uccidendo così tutto il commercio al dettaglio del centro storico”.

Ma non solo: “Per non parlare della modifica della viabilità all’Arco di Augusto – spiega ancora Spirli -. Di per sé, potevamo accettare la pedonalizzazione, ma non così come è stata imposta dalla maggioranza. Servivano in primis alternative immediate e credibili per gli aostani e per i turisti. La nostra idea, se fossimo stati al governo della città, era quella creare un’alternativa: con la possibilità di parcheggiare in città”.

Critiche a pioggia anche sulla pista ciclabile: “Abbiamo una visione ovviamente negativa – ha detto ancora la consigliera leghista -. Come opposizione non abbiamo gli strumenti per fermare questa ‘sciagura’ ma abbiamo il diritto di criticarla aspramente. Questa maggioranza non ha l’obiettivo di rendere green la città ma di rendere più green le tasche degli aostani”.

Quali alternative?

Oltre alle critiche, però, il Carroccio cittadino presenta un documento. Di osservazioni, sì, ma anche di proposte alternative. Soprattutto riguardo la gestione della sosta.

“Non basta criticare la maggioranza – prosegue ancora Spirli -, dobbiamo creare anche elementi propositivi e costruttivi. Un’alternativa è proporre la creazione di un parcheggio pluripiano, nella zona della cosiddettacasa rossa’ all’Arco di Augusto”.

Togni fa eco alla sua collega: “Chi è stato nelle grandi città l’ha visto: la tecnologia di oggi permette di scavare a fianco ai mari, ai fiumi, vicino alle falde. Serve solo la volontà di volerlo fare, anche conivolgendo la Regione, cercando finanziamenti specifici. Si potrebbe scavare quanto si vuole per creare centinaia di posti auto”.

Con alcuni esempi: “A Milano ci sono parcheggi anche molto in centro. Il ‘Diaz’ lo è. Come a Genova. A Torino puoi parcheggiare sotto piazza San Carlo. Per non parlare del grande Piano dei parcheggi di Lione. Anche a Bergamo si arriva in pieno centro e si può parcheggiare in un pluripiano sotterraneo. Purtroppo qui è stata fatta un’altra scelta”.

“Questo documento – ha chiuso invece Andrea Manfrin, arrivato in conferenza stampa direttamente nella pausa del Consiglio Valle – è il frutto ed il condensato di un confronto con i professionisti ed i cittadini di diverse zone di Aosta che patiscono i problemi di una mobilità fortemente cambiata e che si vuole cambiare ancora verso il peggio“.

5 risposte

  1. Grande Lega finalmente qualcuno almeno ne inizia a parlare del disastro che questa amministrazione sta facendo. Caro Alessandro anche in Olanda vanno tutti in bici, in Svezia e Norvegia usano gli sci da fondo….e quindi??? Ti sembra veramente che siamo al loro livello nella cultura e nei servizi? Matteo le piste ciclabili sono fantastiche? Ci sei mai andato sulla pista ciclabile lungo la Dora? Forse sono fantastiche negli stati dove TUTTO funziona a partire dal tenere la destra in autostrada mettere la freccia quando si gira fermarsi alle strisce pedonali ai mezzi di trasporto puntuali ai bidoni dell immondizia ovunque alle strade asfaltate ecc….prima di copiare le belle cose fatte dagli altri stati andrebbero risolti i problemi attuali che sembrano da terzo mondo. Ultimo pensiero, non mi sembra che fosse illegale andare in bici sulle strade normali…come già si faceva negli anni 90……

    1. vero…. Ci sono molti problemi da risolvere… In primis c’è molta ignoranza in giro. Traspare molto bene dal tuo commento pieno zeppo di luoghi comuni…

  2. Negli anni 60 le auto circolavano nel centro storico, sì parcheggiava in piazza chanoux, si passava sotto l’arco d’Augusto e non c’erano gli stalli a pagamento… Allora non c’era neanche la lungimiranza della Lega valdostana. Io proporrei anche il ritorno della lira, i buoni benzina e la possibilità di fumare al cinema.
    Back ton the future Lega…

  3. Ma la volete finire? Un centro città senza auto sarebbe sicuramente più vivibile ed attrattivo per tutti. Volete un parcheggio plurupisno sotto piazza Chanoux? Ma siete mai stati a Bolzano? Cosa molto simile ad Aosta…. Ma molto più grande? Già 20anni fa era pieno di piste ciclabili… Molto meno belle di quelle che si stanno facendo adesso ad Aosta. E di persone in bici era pieno. In estate alla piscina non sapevo più dove appoggiare la bicicletta… Mai viste in vita mia tante bici parcheggiate! Siete veramente dei dinosauri. E comunque il parcheggio a pagamento in piazza arco di Augusto è sempre mezzo vuoto… Tranne in orario di uscita scolastica…. La greve vuole parcheggiare dentro i negozi? Non siamo più negli anni 90….. Sveglia!

  4. Il costo di un parcheggio sotterraneo *in piena area riparia* chi lo paga? E i rischi?
    Bene con le piste ciclabili – sono fantastiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte