“La sinistra c’è, esiste ed è viva”: presentati i candidati della lista “Sinistra per la città”

All'Hostellerie du Cheval Blanc i candidati della lista "Sinistra per la città", che sostiene le candidature di Carlo Curtaz e Iris Morandi, ribadiscono all'UV "Sono andati dietro al PdL per interessi particolari, non per quelli dei cittadini".
Politica
"La sinistra c'è, esiste ed è viva": il consigliere comunale uscente di Rifondazione Comunista Valter Manazzale ha presentato così i candidati della lista "Sinistra per la città", che sostiene le candidature di Carlo Curtaz e Iris Morandi a sindaco e vice, all'Hostellerie du Cheval Blanc martedì 11 maggio, in un salone quasi pieno.

"Siamo una lista civica che non nasconde la sua area politica di riferimento – spiega Flavio Martino, dell'associazione Loris Fortuna – con tutte le sue componenti, dai comunisti a noi radicali, fino ad una serie di personalità che si riconoscono in questo progetto e che non vogliono consegnare la città al centro-destra". Il giudizio sul Partito Democratico è tranchant e condiviso da tutti gli oratori: "Il PD ha un grosso problema di rappresentanza, è un po' confuso perché non porta avanti le istanze del centro-sinistra".
"Non mi riconosco nei toni di Di Pietro – ha detto Martino – sono garantista e non mi è piaciuto il tintinnar di manette. Intendiamo contrastare duramente i nostri avversari, ma con altri toni, e con tanti progetti concreti per il rilancio turistico, la viabilità e la vivibilità di Aosta". Manazzale ha sostenuto l'importanza di "venire incontro alle esigenze dei cittadini, non dobbiamo più vedere la gente che aspetta aiuti dall'alto". E spiega la svolta a destra delle forze autonomiste: "Sono andati dietro al PdL per interessi particolari, non per quelli dei cittadini".

Paolo Momigliano Levi, capolista di "Sinistra per la città" e alla prima esperienza politica, insiste sul concetto: "La Valle d'Aosta – spiega l'ex presidente dell'Istituto storico della Resistenza – non si è ancora emancipata dal modello medievale, e vive ancora con vassalli, valvassori e valvassini. Noi lavoriamo perché il Comune di Aosta abbia più dignità nei confronti della Regione". Momigliano sottolinea l'importanza di "recuperare un pochino le ideologie, per avere quadro di riferimento e dei valori da condividere".

"Ci accusano di essere il 'partito del no' – attacca Iris Morandima forse dovrebbero andare a vedere gli ultimi avvenimenti nazionali, dove gli 'uomini del fare' vengono pescati con tutte le dita nella marmellata". E incalza Bruno Giordano: "Checché ne dica lui stesso, è troppo legato ad un personaggio molto noto ai valdostani, e lascio dire a loro se nel bene o nel male". E Curtaz chiosa: "Aspetto da Bruno Giordano la risposta a tante domande. Se lui è troppo impegnato nella campagna elettorale, mi va bene pure quella di Bruno Milanesio".

Anche il candidato sindaco ha fatto paralleli con gli avvenimenti internazionali: "La crisi greca – ha spiegato – è un grande monito per due aspetti: le colpe di pochi, di un'oligarchia ultra-liberista, vengono pagate dai ceti sociali deboli: l'Italia è chiamata a contribuire, ma secondo Berlusconi non ha soldi. Avrà quindi i famosi 800 milioni promessi alla Valle, o è tutto un grande bluff? Sarebbe paradossale scendere a Roma a vendere i propri ideali e la propria dignità per ritrovarsi senza corrispettivo. Rollandin gioca d'azzardo e punta sul nero, ma il nero è sfilacciato, e non si sa se il governo arriverà all'autunno".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte