Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 8 Ottobre 2020 16:53

Maltempo, la Regione stanzia 1,5 milioni di euro per la viabilità a Gaby

Aosta - La Giunta regionale ha infatti stanziato 1 milione 500mila euro per interventi “in somma urgenza” per il ripristino della viabilità sulla strada regionale 44, dove l’evento alluvionale ha fatto crollare un ponte a seguito della piena del Niel.

Gaby Ponte CrollatoGaby Ponte Crollato

Una variazione di Bilancio – decisa dalla Giunta regionale oggi, giovedì 8 ottobre –, per un provvedimento urgente a copertura degli interventi resisi necessari dopo il weekend di maltempo che si è abbattuto, soprattutto nella notte tra venerdì e sabato scorsi, sulla Valle.

L’Esecutivo ha infatti stanziato 1 milione 500mila euro per interventi “in somma urgenza” a favore della struttura Viabilità e opere stradali per il ripristino della viabilità sulla strada regionale 44 nel Comune di Gaby, dove l’evento alluvionale ha fatto crollare un ponte dopo la piena del Niel.

Non solo, la Giunta ha anche approvato alcune variazioni a beneficio dalla struttura Assetto idrogeologico dei bacini montani per integrare le risorse per ulteriori interventi, resisi urgenti in seguito agli eventi – anche di carattere meteorologico – verificatesi nell’ultimo periodo.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo