Mobilità sostenibile, Barocco: “Importanti interventi nell’assestamento di bilancio”

"Per far diventare operative queste misure è necessario che il Governo Regionale predisponga i provvedimenti attuativi quanto prima." sottolinea Barocco
Politica

“Per far diventare operative queste misure è necessario che il Governo Regionale predisponga i provvedimenti attuativi quanto prima.”  E’ quanto chiede il consigliere Giovanni Barocco in riferimento agli interventi a favore della mobilità sostenibile contenuti nell’assestamento di bilancio, approvato nei giorni scorsi.

“La mobilità sostenibile è un tema a me caro che mi ha visto in prima fila in questi mesi, anche come relatore ed estensore, insieme ad gruppo di consiglieri, della prima legge regionale su “Principi e disposizioni per lo sviluppo della mobilità sostenibile”. ” ricorda Barocco “Una legge che contiene una serie di misure incentivanti la mobilità sostenibile attraverso la concessione di contributi volti a favorire la diffusione di veicoli a bassa emissione e la realizzazione di reti infrastrutturali per la ricarica di veicoli elettrici”.

Ad oggi più di 1.000 valdostani hanno usufruito di questi contributi (fino a 700 Euro per l’acquisto di una ebike).

I nuovi interventi sul tema, varati nell’Assestamento di bilancio riguardano: la concessione di contributi ai Comuni per la progettazione e la realizzazione di zone di sosta sicure per le biciclette ( sempre più preda di malintenzionati) e di stazioni di ricarica per la micro-mobilità elettrica. Sono stati impegnati per questa misura 700.000 euro, per l’anno 2020, mentre l’articolo 70 (Misure in materia di mobilità sostenibile) prevede che a far data dal 4 maggio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, siano concesse anche ai residenti in Valle d’Aosta misure equivalenti a quelle previste dall’articolo 229 del d.l nazionale. 34/2020 (che prevede queste misure solo per gli abitanti di Aosta).In sintesi viene previsto un contributo pari al 60 per cento della spesa sostenuta e comunque non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica.

Le misure accolgono, in parte, le sollecitazioni della F.I.A.B Aosta à Vélo.

“La mia idea è quella di lavorare a un progetto che possa ampliare le piste ciclabili valdostane, aggiungendo le future piste di Aosta a quelle già esistenti dell’asse centrale, come Velodoire. – spiega ancora Barocco –  Il tutto in un progetto condiviso e coordinato con i comuni valdostani, con l’obiettivo di migliorare non solo il tenore di vita dei residenti, ma anche di incrementare il turismo a due ruote”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica