Per le refezioni degli asili nido della Valdigne si va verso un centro di cottura unico

Il dato è emerso oggi, durante il Consiglio comunale di Courmayeur. "Il responsabile della Dussmann - ha spiegato l'Assessora Di Addario - ha chiesto e chiederà agli assessori della Valdigne una gestione unica per rientrare nei costi". All'origine, l'aumento del prezzo delle derrate alimentari.
refezione
Politica

Per le refezioni degli asili nido della Valdigne si preannuncia un centro di cottura unico, con sede a Courmayeur. Il dato è emerso oggi, durante il Consiglio comunale del paese ai piedi del Bianco, chiamato ad approvare il Bilancio previsionale 2022/24, ed il Documento unico di programmazione collegato.

Durante la discussione del documento, l’Assessora all’Istruzione Alessia Di Addario ha infatti spiegato: “Già da quest’anno la refezione degli asili nido avranno un centro unico di cottura a Courmayeur per servire la Valdigne. C’è stato un incremento dei prezzi e dei problemi nel reperire le materie prime. Ho avuto oggi incontro con il responsabile della Dussmann, ci ha chiesto e chiederà agli assessori della Valdigne una gestione unica per tutti i comuni per rientrare nei costi. Noi abbiamo deciso di mantenere invariate le tariffe, ma le derrate alimentari stanno diventando più care e ci sono problemi a trovare lavoratori”.

La decisione – specificano dal Comune – è stata condivisa tra gli Assessori alle Politiche sociali della Valdigne. Sul servizio di refezione per le scuole dell’infanzia e le primarie, invece, si faranno valutazioni future sempre tra gli assessorati competenti.

I problemi, però, sono anche altri, secondo Di Addario: “Abbiamo un calo demografico molto importante a Courmayeur, nel 2022 sono nati solo 8 bambini. Sono stati 14 nel 2020, 11 nel 2019 e 9 nel 2018. Questo calo avrà ripercussioni sociali e sulla gestione dei servizi per l’infanzia. Soprattutto, però, ci sarà un aumento esponenziale dei costi delle derrate e del riscaldamento. Non mi stupirebbe se tra cinque o sei anni avessimo una scuola unica come a Morgex. Questa è la realtà. Andando avanti così potrebbe esserci anche un accorpamento dei comuni e dei servizi. E penso che a livello regionale servirà una riflessione molto profonda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica