Proposta di legge per estendere l’assistenza ai pazienti psichiatrici

La proposta di legge presentata dai gruppi di Forza Italia e Lega Vallée d'Aoste punta ad allargare il diritto al sostegno economico a soggetti sinora esclusi.
Politica

Garantire l’accesso ai contributi per l’assunzione di uno o più assistenti personali ai pazienti affetti da disturbi psichiatrici stabilizzati o progressivi e pertanto non autosufficienti. E’ quanto prevede la proposta di legge di modifica alla legge regionale del 23 luglio 2010, presentata da gruppi di Forza Italia e Lega Vallée d’Aoste.

Cosa prevede la proposta di legge regionale

Mentre l’articolo 1 provvede a estendere anche alle persone con handicap grave di natura psichica le categorie di soggetti affetti da disabilità aventi diritto a fruire di sostegno finanziario per i propri servizi di assistenza, l’articolo 2 prevede per le annualità 2023 e successive uno stanziamento di fondi pari a 500 mila euro derivanti dal bilancio di previsione della regione per il triennio 2022/2024.

“Il primo e più importante ausilio di cui le persone con disabilità necessitano per la loro libertà e autodeterminazione è indubbiamente l’assistente personale – spiega il primo firmatario nonché capogruppo di Forza Italia, Pierluigi Marquis -. Si tratta di una figura indispensabile che permette loro di svolgere tutte quelle funzioni che altrimenti non riuscirebbero a svolgere in forma autonoma con l’obiettivo di facilitare il processo di piena integrazione”.

Il contributo

A poter beneficiare dell’aiuto finanziario previsto dalla rinnovata normativa sarebbero in sostanza i residenti sul territorio regionale di età compresa tra diciotto e sessantaquattro anni affetti da grave disabilità fisica, psichica o sensoriale.

“Tale iniziativa si prefigge di colmare una lacuna legislativa al fine di perseguire l’equità sociale nel rispetto di quanto trova applicazione al di fuori della nostra regione – prosegue Marquis -. Auspichiamo che tale provvedimento possa essere approvato in maniera celere per agevolare anche alle persone con disabilità intellettiva l’accesso a una figura senza la quale sarebbe oggettivamente impossibile realizzare l’uguaglianza dei diritti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte