Scioglimento St-Pierre, la maggioranza: “Un’onta immeritata”

Il sindaco e la sua maggioranza ribadiscono "con forza la nostra estraneità a qualsiasi organizzazione criminale" e si dicono "vittime inconsapevoli di un sistema che non ci appartiene".
Consiglio comunale Saint-Pierre  - Paolo Lavy
Politica

“Amarezza” e “delusione”, ma anche dispiacere “per l’onta che la comunità di Saint-Pierre sta immeritatamente subendo.” Così il sindaco di Saint-Pierre Paolo Lavy e tutta la sua maggioranza commentano in una nota lo scioglimento per diciotto mesi del consiglio comunale, disposto ieri dal Consiglio dei Ministri ed il contestuale affidamento dell’amministrazione dell’ente a una Commissione di gestione straordinaria.

Nel ribadire “con forza la nostra estraneità a qualsiasi organizzazione criminale” la maggioranza sottolinea di aver guidato con “impegno e senso di responsabilità” il paese anche dopo il 23 gennaio 2019, “quando l’inchiesta Geenna ha travolto la nostra amministrazione e le nostre vite personali, trascinandoci in una situazione che mai avremmo potuto immaginare, vittime inconsapevoli di un sistema che non ci appartiene”.

Il sindaco e la maggioranza ci tengono quindi a ringraziare “la popolazione che sin dal primo giorno ci ha sostenuto, gli uffici comunali che non hanno mai fatto mancare competenza e supporto e tutti coloro che con la loro collaborazione hanno fatto in modo che si potesse portare avanti il nostro programma nel miglior modo possibile, programma peraltro largamente realizzato e del quale andiamo fieri”.

Prima di uscire di scena il sindaco e la sua maggioranza auspicano che “quanto è stato fatto di buono da questa amministrazione non venga oscurato dalle vicende giudiziarie”.

L’elenco snocciolato è lungo e va: dall’associazione dei servizi tra comuni e la conseguente riorganizzazione delle risorse umane, all’adeguamento del Piano Regolatore al Piano Territoriale Paesistico ed alla legge regionale 11/1998, unitamente alla classificazione dei fabbricati nei centri storici ed all’approvazione del regolamento edilizio.

Sul fronte delle infrastrutture, la manutenzione e la cura del territorio, “cogliamo l’occasione per informare con soddisfazione che è attivo da alcuni mesi il nuovo collettore che convoglia l’acqua potabile dalla Valsavarenche, alimentando il nostro acquedotto.  – prosegue la nota – Ciò ci consente di limitare considerevolmente l’uso delle pompe elettriche, con un importante risparmio energetico, oltre ad assicurare una migliore qualità dell’acqua ai cittadini”.

E poi ancora la riqualificazione della fascia fluviale della Dora Baltea, sono stati realizzati e portati a termine i lavori della pista ciclo/pedonale, la realizzazione del marciapiede lungo la strada S.R. 22 di Saint-Nicolas, “i cui lavori inizieranno in primavera”.

In capo turistico, la ripresa dei lavori di restauro del Castello di Saint-Pierre con la favorevole prospettiva di riapertura al pubblico nei tempi programmati.

“Lasciamo a Saint-Pierre una rassegna culturale affermata come Saint-Pierre Dixit, un grande momento di aggregazione come Métiers au bourg, una borsa di studio per gli studenti meritevoli e un progetto di web marketing” ricordano ancora il Sindaco e la sua maggioranza.

“Abbiamo stimolato costantemente la cittadinanza attiva sostenendo il lavoro delle diverse associazioni presenti sul territorio e dando vita a diverse iniziative, tra le quali possiamo annoverare il Consiglio dei Piccoli presso la scuola primaria, la creazione della Consulta dei Giovani e le giornate dedicate ai Jeunes d’Antan”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte