Segretari particolari, Perron: “Albertinelli? Era solo una possibilità, già abbandonata”

E il protagonista attacca: "Squallido tentativo di sciacallaggio" dice Albertinelli. "Attacchi assolutamente infondati e ideologici e basati sul nulla, visto che fino ad oggi il sottoscritto non ha mai dichiarato quale fosse la sua posizione".
Claudio Albertinelli
Politica

"Con Albertinelli è vero che ho fatto una chiacchierata, è una possibilità che ho esplorato ma che da alcuni giorno ho abbandonato". L'Assessore regionale alle Finanze, Ego Perron interviene sulle polemiche degli ultimi giorni sulla possibile nomina di Claudio Albertinelli, segretario del Savt funzione pubblica a segretario particolare. 

"E' una polemica per nulla, vengo attaccato per una scelta alla quale ho pensato… ogni tanto mi capita di pensare" prosegue Perron "Un processo alle intenzioni". 

Parla invece di "squallido tentativo di sciacallaggio" il protagonista della vicenda. "Attacchi assolutamente infondati e ideologici e basati sul nulla, visto che fino ad oggi il sottoscritto non ha mai dichiarato quale fosse la sua posizione sulla questione" scrive in una nota Albertinelli. 

"Se da un lato tutto questo mi rammarica profondamente, da un altro lato devo dire di sentirmi onorato. Tutta questa attenzione dimostra come negli anni ho svolto la mia attività sindacale con capacità e professionalità, il che mi ha permesso di acquisire nella gente stima e credibilità. – prosegue la nota – Sicuramente le posizioni che ho saputo prendere con coraggio su dossier delicati come quello del Casinò hanno dato fastidio a qualcuno e vuol dire che ho colpito nel segno".

Poi l'affondo alla minoranza che con un comunicato stampa aveva attaccato la nomina. "In questo senso mi permetto di dire a quella parte dell'ex maggioranza in Consiglio regionale, oggi minoranza, che invece di prendersi a cuore il mio futuro professionale, sarebbe meglio che si preoccupasse delle centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici che, quando gestiva direttamente la vicenda, ha sperperato in decine di consulenti che hanno redatto un piano industriale per il rilancio della casa da gioco che si sta rivelando drammaticamente vuoto di contenuti".

Il segretario del Savt funzione pubblica ringrazia, quindi, Perron per la proposta. "Pur verificando come non ci siano incompatibilità tra i due ruoli a livello normativo e statutario, a seguito di un'attenta e serena riflessione personale, senza nemmeno attendere le eventuali verifiche all'interno degli organismi sindacali – conclude Albertinelli –  ho ritenuto, condividendolo con l'Assessore, che le due cose siano difficilmente compatibili e quindi ho  ritenuto inopportuno ricoprire il ruolo propostomi e ho comunicato la mia scelta già da alcuni giorni".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte