Spi-Cgil: “Dalla Regione poche risposte a una Valle sempre più povera”

A dirlo il sindacato dei pensionati Cgil, critico nei confronti del Defr 2022/25 e del nuovo bilancio regionale. Nel mirino, anche gli obiettivi e la programmazione della Sanità: "C’è il rischio che quello approvato a dicembre dal Consiglio regionale sia l’ennesimo bilancio di transizione".
Cgil Aosta
Politica

“Speranza di vita in regresso e sempre più ‘nuovi poveri’ in Valle d’Aosta. E c’è il rischio che quello approvato a dicembre dal Consiglio regionale sia l’ennesimo bilancio di transizione, quando occorrerebbe invece agganciare le risorse stanziate nei settori più importanti come sanità, lavoro e sviluppo, nel contesto di un quadro programmatorio più solido e condiviso che permetta il raggiungimento di obiettivi strategici”.

A lanciare l’allarme è il sindacato dei pensionati Spi-Cgil VdA che spiega: “Il territorio valdostano è afflitto da gravi difficoltà, in parte inedite e legate alla recente fase pandemica, in parte di vecchia data ma mai affrontate, che ostacolano la sua prosperità e il suo sviluppo armonioso”.

Al centro della critica il Defr 2022/25 ed il nuovo bilancio regionale “approvati senza realizzare un serio e articolato confronto con le parti sociali e gli attori protagonisti dell’economia” e che “non sembrano ancora fornire risposte concrete e mirate, in particolare per quanto riguarda la situazione del settore sanitario e sociosanitario ma non solo”, spiega il sindacato.

“Durante la discussione del bilancio in Consiglio non sono state evidenziate adeguatamente alcuni grandi criticità dell’azione del governo locale degli ultimi anni – prosegue la nota Spi-Cgil –: l’insoddisfacente livello di attuazione delle riforme avviate negli anni precedenti e riguardanti i settori strategici (assistenza territoriale, mercato del lavoro e trasporti in primo luogo), nonché il modesto grado di realizzazione degli investimenti (opere pubbliche e infrastrutture), punto dolente più volte segnalato dalle relazioni della Corte dei Conti”.

Un contesto, nella programmazione finanziaria della Regione, nel quale “non sembra emergere la consapevolezza che, tra i territori con più alta incidenza di ‘nuovi poveri’, secondo il recente rapporto Caritas pubblicato ad ottobre, si distingue la Valle d’Aosta (61,1%), prima ancora di Campania (57%), Lazio (52,9%), Sardegna (51,5%) e Trentino Alto Adige (50,8%)”.

Inoltre, aggiunge il sindacato, “in Valle, secondo i dati più recenti sui redditi della popolazione pubblicati dal ministero dell’Economia e delle Finanze, mentre il reddito da lavoro autonomo è cresciuto mediamente del 44% tra il 2015 e il 2019 (da 35.900 euro a 51.700 euro), nello stesso periodo il reddito da lavoro dipendente è calato in media dell’1,4% da 20.700 euro a 20.400 euro”.

Le criticità del bilancio

Tra i punti deboli del bilancio regionale, il sindacato punta l’attenzione sul comparto della Sanità, i cui “obiettivi di lungo periodo sono più sfocati” e per il quale “non si riesce a percepire in che modo la Regione coniugherà la programmazione regionale ordinaria con le ingenti risorse che dovrebbero arrivare dai Fondi in capo al Programma Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e alla programmazione Ue”.

Altra criticità è quella delle categorie a rischio, che necessita di “azioni di contrasto dell’isolamento relazionale e fisico che interessa soprattutto gli anziani e i disabili, specie nei comuni più isolati”, con una programmazione territoriale, per ogni comune, di “azioni per supportare situazioni di grave solitudine, che possono generare rischi di esclusione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica