Politica di Redazione AostaSera |

Ultima modifica: 24 Febbraio 2021 12:40

Vaccini, i sindacati dei pensionati chiedono un incontro all’Assessore: “Serve chiarezza”

I sindacati dei pensionati raccolgono le preoccupazioni degli anziani. "Ad oggi non risulta esserci una vera e propria programmazione regionale che metta nero su bianco quanti e quando gli anziani potranno essere vaccinati."

anzianianziani

“Ad oggi non risulta esserci una vera e propria programmazione regionale che metta nero su bianco quanti e quando gli anziani potranno essere vaccinati. L’unica cosa certa è che dovranno aspettare diverse settimane, mentre nelle altre regioni si sta già procedendo alle vaccinazioni”. A raccogliere le preoccupazioni delle fasce più a rischio della popolazione sono i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uil-Uilp che chiedono all’Assessore regionale alla Sanità Barmasse un incontro urgente.

“Questa incertezza sui tempi – proseguono i sindacati – sta creando preoccupazione e paura, anche di fronte alle varianti del virus sempre più diffuse. E purtroppo in Valle d’Aosta la variante inglese è già arrivata, come dimostrano le ultime notizie diffuse dagli organi di informazione. È necessaria la massima chiarezza, nonché risposte rapide e concrete dall’assessorato regionale alla Sanità, perché sulla salute dei cittadini non si deve indugiare”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo