Valtournenche, chiuso il Café des Guides, il Comune cerca un nuovo gestore

La vecchia gestione ha lasciato lo scorso agosto. “Speriamo di trovare qualcuno, magari un giovane, che sia interessato a riaprire”, commenta la sindaca Camaschella. Il termine ultimo per presentare un'offertà è il 3 novembre.
Politica

“Un bar nell'unica area pedonale di Valtournenche”: così la sindaca del paese, Deborah Camaschella, descrive il Café des Guides, in piazza della Chiesa 2, che ospita anche il municipio. Dallo scorso 31 agosto ha chiuso i battenti, dopo che l'azienda il Mulino di Elisa Bimbi, che dal giugno 2016 gestiva il locale, ha comunicato di voler rescindere il contratto con il Comune, proprietario delle mura.

“Non so perché la ragazza, che tra l'altro gestiva bene, ha scelto di mollare – racconta la sindaca – ma poteva recedere dal contratto pagando delle penali e così ha fatto: la nuova gestione durava da poco più di un anno, dopo quella precedente durata tanti anni”. Ora c'è tempo fino a mezzogiorno del prossimo 3 novembre per farsi avanti: “Quella piazzetta senza un bar perde un po' di anima e speriamo di riaprirlo per Natale – commenta la sindaca – non posso sapere se ci sono state offerte, ma so che di gente interessata ce n'è”.

Un problema però potrebbe essere il cospicuo canone d'affitto annuo previsto, che ammonta ad una base di 20 mila e 100 euro, con l'offerta che viene premiata sul massimo rialzo: “Anche l'altra volta sembravano interessati in molti e poi è arrivata solo un'offerta – racconta la sindaca – 20 mila euro all'anno probabilmente è tanto, ma per stabilire i prezzi noi siamo costretti ad affidarci a perizie”.

Il periodo di durata previsto per il contratto è di sei anni, rinnovabili per altri sei. Il bar deve restare aperto principalmente per tutta la stagione invernale, con orari minimi e possibilità di ferie per il gestore a maggio e ottobre.

0 risposte

  1. Conosco benissimo Valtournenche. Il paese perde negozi e vita anno dopo anno. Ad esempio, il negozio Flo chiuderà quest’anno, almeno per quello che ho saputo quest’estate). La gelateria non âpre più d’inverno ed è stata ridotta durante l’estate. La banca è chiusa… Non c’è quasi più un negozio aperto sulla via principale… Mi sembra che chiedere più di 20000 euros all’anno per 6 anni sia disproporzionato. Non è così che potrà svilupparsi l’attività economica e sociale di Valtournenche.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte