Weissmatten, Consiglio Valle approva all’unanimità una risoluzione

La risoluzione ripercorre le conclusioni della relazione sulla petizione popolare. In particolare si invita il Governo a finanziare la revisione della seggiovia, a costituire un tavolo di lavoro per la stipula di un accordo di programma fra comune e Monterosa e a predisporre una legge sui piccoli comprensori sciistici.
Politica

L’Assemblea regionale ha approvato all’unanimità una risoluzione per il mantenimento e l’incremento dell’offerta turistica dell’impianto sciistico del Weissmatten di Gressoney-Saint-Jean e dei piccoli comprensori sciistici regionali. L’iniziativa, a firma di tutti i gruppi consiliari, è arrivata a seguito della discussione sulla petizione popolare sottoscritta da 5554 cittadini e presentata al Consiglio il 30 giugno 2020, che chiedeva il mantenimento dell’impianto del Weissmatten realizzato nel 1949 dalla Società per azioni Gressoney per l’incremento turistico, poi incorporata nel 2013 nella Monterosa Spa.

La risoluzione, che riprende i contenuti della relazione predisposta dalla quarta Commissione al termine dei lavori di esame della petizione, impegna il Governo regionale a dare corso al finanziamento, attraverso l’iter tecnico/amministrativo previsto dalla legge regionale 8/2004, della revisione generale venticinquennale della seggiovia Weissmatten, quale attività indispensabile e propedeutica a qualsiasi azione futura di implementazione o diversificazione delle attività della stazione, al fine di migliorarne il risultato economico e la sua fruibilità pluristagionale.

Il Governo viene inoltre sollecitato a costituire, entro la fine del mese di febbraio 2021, un tavolo di lavoro unitamente a Finaosta, al Comune di Gressoney-Saint-Jean e a Monterosa Spa, che porti alla stipula di un accordo di programma avente come obiettivo un piano di sviluppo del comprensorio del Weissmatten non legato esclusivamente alla pratica dello sci, definendo gli impegni reciproci relativamente ai necessari investimenti finanziari.

Infine l’invito è a predisporre in tempi brevi un disegno di legge regionale che, anche attraverso il sostegno finanziario pubblico, possa garantire una riorganizzazione complessiva di tutti i piccoli comprensori sciistici presenti sul territorio regionale. Infine impegna ad attivare il percorso di valutazione, sia in termini gestionali che sotto il profilo finanziario, in merito alla necessaria evoluzione dell’attuale modello di gestione e sviluppo delle stazioni sciistiche della nostra Regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica