Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 17 Gennaio 2021 15:28

Zona arancione, in Valle d’Aosta consentiti gli spostamenti su tutto il territorio regionale

Aosta - Via libera alle attività sportive e motorie all’aperto, fra cui lo sci alpinismo e le ciaspolate

Dopo la firma nel pomeriggio dell’Ordinanza del Ministro della Salute Speranza, che pone da domani, domenica 17 e fino al 31 gennaio la Valle d’Aosta in zona arancione, arriva il provvedimento regionale che adatta al contesto locale le norme nazionali.

L’ordinanza firmata dal Presidente della Regione Erik Lavevaz consente gli spostamenti dalle ore 5 alle ore 22 su tutto il territorio regionale, Aosta compresa.

Via libera alle attività sportive e motorie all’aperto, fra cui lo sci di fondo, lo sci alpinismo (senza guida o maestro) e le ciaspolate. “La raccomandazione  a tutti coloro che decidono di fare attività motoria e sportiva all’aperto  –  sottolinea una nota – è di prestare la massima attenzione a non provocare situazioni emergenziali che possono sovraccaricare il sistema del soccorso”.

Tornano invece ad abbassarsi le serrande di bar e ristoranti, che potranno comunque proseguire l’attività con l’asporto (fino alle 18 per alcune attività, fino alle 22 per altre) o con la consegna a domicilio.

Le istituzioni scolastiche di secondo grado proseguiranno l’attività in presenza al 50 cento, ancora per la prossima settimana.

Restano invece aperti i negozi, i centri estetici e i parrucchieri, mentre prosegue la chiusura per piscine, palestre e musei. Quest’ultimi potranno riaprire solo nei giorni feriali in zona gialla.

Fino al 15 febbraio non sarà consentito spostarsi verso altre regioni e rimarrano chiusi gli impianti sciistici.

Rimangono invece dei dubbi al momento sulla possibilità di recarsi presso la seconda casa fuori regione. Il Dpcm consente “il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”, ma non fa menzione alle seconde case.

Citando fonti di Palazzo Chigi, il Corriere della Sera –  le Faq del Governo non sono ancora aggiornate al nuovo Dpcm – spiega come per “abitazione si intende dunque anche una seconda dimora, anche in affitto” che si trovi in una regione in fascia gialla, arancione o rossa.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

5 commenti su “Zona arancione, in Valle d’Aosta consentiti gli spostamenti su tutto il territorio regionale”

  • buona sera. scusate io abito in liguria (zona arancione), Martedì 19/1 da Savona devo recarmi a genova dove ho la residenza con il mio compagno che invece la residenza ce l’ha a savona ma guidando lui la macchina devo portarlo con me. Dobbiamo recarci in una agenzia immobiliare che ci deve dare degli indirizzi di appartamenti di genova x andare entrambi a vivere con residenza a genova dove ci sono tutti i servizi sociali funzionanti che a savona mancano del tutto. se non andiamo perdiamo probabilmente quelle case che verranno assegnate ad altri. inoltre dobbiamom incontrare un conoscente x chiedergli un prestito perche’ siamo arrivati con soli 20 euro x arrivare a fine mese e non ce la facciamo. quindi è assolutamente necessario questo spostamento x noi, eventualmente siamo disposti a spostarci in treno. potete gentilmente rispondermi se martedì potro’ con autocertificazione fare questo spostamento da savona a genova con rientro nel pomeriggio? lo kiedo a voi perche’ non si capisce piu’ niente. la televisione e i telegiornali dicono una cosa, internet ne dice un’altra e quindi chiedo a voi se possiamo o no andare a genova e rientrare in giornata. vi prego di rispondermi urgentemente. grazie mille! buona serata! vi attendo e grazie mille! daniela gandolfi cell 334 2207009 (non ho whats app ma solo sms).

  • La pandetruffa continua e nemmeno i politici regionali riescono a bypassare norme cervellotiche e in malafede del governo..continuate a privare del lavoro i ristoratori e baristi senza che nw abbiano colpe e di conseguenza private gli altri della parte ricreativa della vita SENZA IL BENCHÉ MINIMO MOTIVO..quanto pensate che i pecoroni italici resistano cin tt queste restrizioni immotivate??anche un somaro prima o poi si ribella alla reclusione senza motivo

    • Ringrazio il presidente Lavevaz per la libera circolazione ed il libero scialpinismo. Di questi tempi è tanta roba. Da scialpinista mi impegno a mettere un supplemento di prudenza nelle gite.

Commenta questo articolo