Sono 69 i candidati per i 32 posti da dirigente medico banditi dall’Usl

Le domande di ammissione all’ultima batteria di 16 concorsi per dirigenti medici hanno visto candidarsi 69 medici, 57 dei quali specializzandi. "Adesso è necessario fare in modo che questi candidati si trasformino in iscritti che effettivamente si presenteranno", spiega i direttore generale Usl Uberti.
Immagine archivio - La sede Usl di via Guido Rey
Sanità

Le domande di ammissione all’ultima batteria di 16 concorsi per dirigenti medici – chiusa il 12 ottobre – per 32 posti banditi complessivamente, hanno visto 69 medici di cui 57 specializzandi. Con punte di 16 domande per Radiologia, 10 per Neurochirurgia e 9 per Cardiologia.

A comunicarlo è l’Azienda Usl, che in una nota parla di “numeri mai raggiunti negli anni scorsi”.

“Naturalmente adesso è necessario fare in modo che tutti questi candidati si trasformino in iscritti che effettivamente si presenteranno ai concorsi – spiega il direttore generale Usl Massimo Uberti –. Per questo è fondamentale continuare con le attività di comunicazione sulle opportunità di crescita professionale che offriamo in modo da favorire la partecipazione effettiva alle prove concorsuali”.

“Comunque, nella ormai nota e direi cronica (e lo sarà ancora per diversi anni) carenza di personale medico a livello nazionale – continua –, questo notevole afflusso di candidati rappresenta per noi un risultato importante da coltivare e un segnale che ci indica che, nonostante le criticità da affrontare per il nostro Sistema sanitario siano molte, la strada che stiamo percorrendo è quella giusta. A questo proposito un grande ringraziamento va anche ai nostri uffici amministrativi, alla Struttura complessa Sviluppo delle Risorse umane, impegnati in questo settore, nonché ai nostri direttori di Struttura che già sono stati coinvolti nella diffusione dei concorsi e hanno compiuto un lavoro egregio di scouting, di contatto con le Scuole di Specializzazione, di rete tra Aziende sanitarie”.

Per favorire il reclutamento, l’Usl ha adottato una serie di azioni strategiche, tra le quali ci sono investimenti in campagne di promozione dei concorsi – si legge nella nota aziendale – “attraverso un approccio omnicanale (Social media) e una landing page dedicata sul sito aziendale”. A questo si aggiunge “anche la promozione di programmi di formazione continua e sviluppo delle competenze del personale esistente sono stati prioritari per garantire un team altamente qualificato e motivato, fonte di attrattività”.

Nel dettaglio, i 69 medici candidati sono:

  • 8 per la Struttura complessa di Medicina Interna (2 internisti, 4 reumatologi, 2 endocrinologi);
  • 1 per la Struttura complessa di Oncologia;
  • 3 (ematologi) per le Strutture complesse di Medicina Interna e di Oncologia;
  • 4 per la Struttura complessa di Pediatria e Neonatologia;
  • 9 per la Struttura complessa di Cardiologia;
  • 4 per la Struttura complessa di Malattie infettive;
  • 3 per la Struttura complessa di Psichiatria;
  • 2 per la Struttura semplice dipartimentale Ser.D. (Servizio per le dipendenze);
  • 3 per la Struttura complessa di Ortopedia e traumatologia;
  • 10 per la Struttura semplice dipartimentale di Neurochirurgia;
  • 16 per la Struttura complessa di Radiologia diagnostica e interventistica;
  • 3 per la Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina trasfusionale;
  • 3 per la Struttura complessa di Analisi cliniche.

“Siamo soddisfatti della risposta a questi numerosi concorsi – è invece il commento dell’assessore regionale alla Sanità Carlo Marzi –. L’elevato numero di candidati è un segnale positivo rispetto alle opportunità di carriera offerte sul nostro territorio. Molte iniziative studiate sono, infatti, finalizzate a dare una giusta immagine positiva della nostra Sanità perché questo incide sulla capacità di attrarre personale sanitario. Il reclutamento di personale medico è fondamentale per garantire un’assistenza sanitaria di qualità e per affrontare le complesse situazioni quotidiane. Insieme all’Azienda dobbiamo garantire il nostro impegno per attirare e selezionare i migliori medici così da rispondere ai bisogni della nostra comunità”.

L’Usl bandisce 16 concorsi pubblici per dirigenti medici

L’Azienda Usl della Valle d’Aosta ha pubblicato 16 concorsi per dirigenti medici. La scadenza per la presentazione delle domande di ammissione è il 12 ottobre. La procedura si deve effettuare online al link https://auslvda.selezionieconcorsi.it.

L’operazione è programmata all’interno del Piano Integrato di Attività e Organizzazione dove uno dei punti chiave è l’aggiornamento del Piano triennale di fabbisogno di personale dell’Azienda. L’obiettivo – si legge in una nota – è potenziare il quadro medico dell’Usl, garantendo la presenza di competenze specialistiche cruciali per la salute e il benessere dei cittadini.

I bandi dei concorsi sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica, sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul sito internet aziendale (nella sezione “Avvisi e Concorsi”), riguardano:

  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Medicina Interna, da assegnare alla Struttura complessa “Medicina Interna”;
  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Reumatologia, da assegnare alla Struttura complessa “Medicina Interna”;
  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Endocrinologia, da assegnare alla Struttura complessa “Medicina Interna”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Ematologia, da assegnare alla Struttura complessa “Medicina Interna” o alla S.C. “Oncologia ed Ematologia Oncologica”;
  • 5 dirigenti medici appartenenti all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Pediatria, da assegnare alla Struttura complessa “Pediatria e Neonatologia”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Cardiologia, da assegnare alla Struttura complessa “Cardiologia”;
  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Malattie Infettive, da assegnare alla Struttura semplice “Malattie Infettive”;
  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Oncologia, da assegnare alla Struttura complessa “Oncologia ed Ematologia Oncologica”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Psichiatria, da assegnare alla Struttura complessa “Psichiatria”;
  • 1 dirigente medico appartenente all’Area Medica e delle Specialità Mediche, o all’Area della Medicina diagnostica e dei Servizi, o All’area di Sanità Pubblica – disciplina di Psichiatria, o Medicina Interna, o Farmacologia e Tossicologia clinica, o Organizzazione dei servizi sanitari di base, da assegnare alla Struttura semplice dipartimentale “SER.D.”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area Medica e delle Specialità Mediche – disciplina di Ematologia, da assegnare al “Dipartimento di Patologia Clinica”;
  • 3 dirigenti medici appartenenti all’Area Chirurgica e delle Specialità Chirurgiche – disciplina di Ortopedia e Traumatologia, da assegnare alla Struttura complessa “Ortopedia e Traumatologia”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area Chirurgica e delle Specialità Chirurgiche – disciplina di Neurochirurgia, da assegnare alla Struttura semplice dipartimentale “Neurochirurgia”;
  • 3 dirigenti medici appartenenti all’Area della Medicina Diagnostica e dei Servizi – disciplina di Radiodiagnostica, da assegnare alla Struttura complessa “Radiologia diagnostica ed interventistica”;
  • 2 dirigenti medici appartenenti all’Area della Medicina Diagnostica e dei Servizi – disciplina di Medicina Trasfusionale, da assegnare alla Struttura complessa “Immunoematologia e Medicina Trasfusionale”;
  • 3 dirigenti medici appartenenti all’Area della Medicina Diagnostica e dei Servizi – disciplina di Patologia Clinica (Laboratorio di Analisi Chimico – Cliniche e Microbiologia) da assegnare alla Struttura complessa “Analisi Cliniche”.

“La programmazione dei concorsi si basa su un’attenta analisi dei fabbisogni di personale aziendale per fronteggiare situazioni di carenza di figure professionali in strutture di carattere strategico per ospedale, territorio e servizi spiega il direttore amministrativo Usl Marco Ottonello . L’auspicio è che venga data la massima diffusione e visibilità a queste opportunità lavorative”.

“Grazie ai 25 nuovi concorsi che l’Azienda Usl metterà in campo si aprono ulteriori opportunità per reperire nuovi medici specialisti, che sono tra le figure professionali essenziali per continuare a garantire il nostro servizio sanitario – aggiunge l’assessore Carlo Marzi –. In tal senso prosegue l’impegno profuso in questa direzione dall’Azienda Usl che già nell’ultimo anno, a partire dall’autunno scorso, aveva bandito 25 concorsi per Dirigenti sanitari/medici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte