Sì è chiuso il concorso per infermieri, 60 gli idonei pronti all’assunzione

L'Usl sta contattando i candidati per proporre l’assunzione. Dei 60 in fase di chiamata, 38 prestano già servizio presso l’Azienda come personale somministrato. Per loro si tratta, quindi, di una stabilizzazione. Di questi, 33 hanno già sottoscritto il contratto per l’assunzione a tempo indeterminato.
Immagine archivio - La sede Usl di via Guido Rey
Sanità

L’Azienda Usl ha proposto l’assunzione a tutti i 60 candidati presentatisi al concorso per il personale sanitario infermiere conclusosi lo scorso 21 dicembre. Azienda che ora resta in attesa di risposte, una volta inviata la richiesta ad ognuno, anche per definire la data di disponibilità alla presa in servizio.

Dei 60 che sono in fase di chiamata – si legge in una nota –, 38 prestano già servizio presso l’Azienda Usl come personale somministrato e, quindi, per loro si tratta di una stabilizzazione. Di questi, 33 hanno già sottoscritto il contratto individuale per l’assunzione a tempo indeterminato.

Altri 22, invece, sono forze aggiuntive che nel corso delle prossime settimane potrebbero prendere servizio.

Non solo, per cercare di anticipare le possibili assunzioni, a fine novembre 2021 era già stato rivolto un invito a tutti i candidati, in attesa del concorso a sottoscrivere un contratto a tempo determinato. A questo invito avevano risposto positivamente in 7 dando la disponibilità rispetto alla presa di servizio: 1 nel mese di dicembre e 6 entro il 10 gennaio 2022.

“Anche se il numero dei professionisti disponibili è inferiore a quanto necessario, rappresenta comunque un importante aiuto in un momento tanto critico – spiega il Direttore generale dell’Usl Massimo Uberti –. Siamo anche soddisfatti del percorso che permette di stabilizzare molti infermieri che già operano con noi, dando così corso all’impegno di ridurre il più possibile, sia temporalmente che numericamente, le forme di lavoro precarie”.

“È evidente che le adesioni sono sempre molto più basse rispetto alle iscrizioni, che le prove di francese e seguenti sono state positive e che l’esito, nonostante l’assunzione di 60 anziché 80 infermieri, è comunque favorevole perché avremo nuove assunzioni che si aggiungeranno a tutti i somministrati, che oggi sono in servizio e non sono stati stabilizzati, e che potremo mantenere in servizio in pianta stabile”, commenta invece Guido Giardini, Direttore sanitario dell’Azienda.

Riguardo l’iter del concorso, gli iscritti complessivi erano 233, di cui 39 esonerati dalla prova di accertamento della conoscenza della lingua francese. Dei 194 candidati non esonerati si sono presentati alla prova di francese in 44. Tra loro, in 39 hanno superato la prova.

Allo scritto, invece, dei 78 candidati ammessi se ne sono presentati 66. Di questi, 62 hanno superato la prova e sono stati ammessi all’orale. All’orale si sono presentati in 60, tutti hanno superato l’esame e sono stati inseriti in graduatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sanità
Sanità

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte