191 volontari e 24mila ore di servizio: l’impegno del Croce rossa nell’emergenza

Il contributo del Comitato regionale all'emergenza coronavirus è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa, organizzata nella giornata mondiale della Croce rossa.
Croce rossa italiana
Società

Il 75% dei 261 volontari valdostani della Croce rossa italiana ha dato il proprio contributo all’emergenza Coronavirus. 191 volontari in tutto che hanno coperto 24mila ore di attività, 3.300 giornate nel corso delle quali sono stati percorsi oltre 42mila km. Accanto ai volontari valdostani, sono arrivati in Valle d’Aosta tramite la Croce rossa diversi operatori sanitari in supporto a quelli locali.

I dati sono stati forniti dai referenti locali in occasione della Giornata mondiale della Croce rossa, che si festeggia oggi.

Le attività della Croce rossa italiana sono andate dallo screening della temperatura in alcuni presidi sanitari, alla consegna di farmaci o della spesa alle persone in quarantena, al trasporto dei tamponi verso gli ospedali lombardi e piemontesi, alle informazioni fornite al numero verde istituzionale fino al coordinamento delle forze in campo e dei servizi su tutto il
territorio regionale.

Nel complesso, sono stati effettuati 5.640 interventi (i più significativi, dal punto di vista numerico, sono le 1.652 consegne di spesa a domicilio e le 1.074 consegne di farmaci a domicilio) effettuate per il 30,2% sull’area della Plaine, il 29,8% a Pontey, il 28,5% sull’area della Saint-Vincent.

“E’ stata un’emergenza nuova e diversa, rispetto a quelle affrontate in passato dalla Croce Rossa – ha ricordato il presidente del Comitato di Aosta, Renato Malesan  – Ci siamo trovati ad essere soccorritori ma anche potenziali vittime, dovendo convivere con la paura di contrarre il virus, agendo con un carico psicologico non indifferente. Ciò che resterà a noi volontari di questa esperienza e spero si radichi in ognuno di noi è il valore della vita e delle relazioni sociali”.

In questi due mesi di emergenza i volontari hanno avuto “un enorme riscontro da parte della popolazione e l’emozione è stata forte. – ha spiegato il presidente del Comitato Regionale Paolo Sinisi – Ci è stata testimoniata l’efficacia del nostro intervento. I volontari operano per questo.Tutti hanno dato una prova di sensibilità e di impegno che difficilmente si poteva auspicare”. 

A ringraziare i volontari della Croce rossa per l’opera prestata è l’Assessore regionale alla Sanità Mauro Baccega. “Il Comitato Regionale della Valle d’Aosta della Croce Rossa si è distinto per i grandi sforzi profusi a fianco della Regione, degli Enti locali e dell’Azienda Sanitaria Usl.  – sottolinea l’Assessore in una nota – Le attività compiute dai volontari sono state tantissime e proseguono tutt’ora, sempre con professionalità e grande sensibilità. Un grande grazie deve essere espresso a questa organizzazione e a tutti i suoi volontari da parte del Governo regionale, ma credo anche da parte di tutti i valdostani, che non si sono mai sentiti abbandonati anche grazie agli sforzi messi in campo dalla Croce Rossa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte