VIDEO Società

Ultima modifica: 21 Dicembre 2020 16:21

Coldiretti regala 16mila kg di pasta “Senatore Cappelli” alle famiglie valdostane in difficoltà

Saint-Christophe - “Pasta di solidarietà” è una campagna promossa su tutto il territorio nazionale da Coldiretti di concerto con la Fondazione Campagna Amica e prevede la donazione di 33.336 pacchi di pasta (pari a 16.668 kilogrammi) a marchio Stagioni d’Italia per le famiglie in difficoltà della regione.

Con la prima consegna al Banco alimentare della Valle d’Aosta ha preso il via oggi, lunedì 21 dicembre, anche in Valle d’Aosta la campagna “Pasta di solidarietà” promossa su tutto il territorio nazionale da Coldiretti di concerto con la Fondazione Campagna Amica. L’azione benefica prevede la donazione di 33.336 pacchi di pasta (pari a 16.668 kilogrammi) a marchio Stagioni d’Italia per le famiglie in difficoltà della regione attraverso associazioni di volontariato, comuni ed enti caritatevoli. Alessio Nicoletta, Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta, ne illustra i dettagli nel video.

Alla campagna solidale hanno contribuito attivamente il Celva che ha coinvolto tutti i comuni della Valle d’Aosta e i comuni della Valle d’Aosta attraverso il Celva e il CSV – Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta che ha coordinato le associazioni del mondo del no profit e del volontariato in contatto con famiglie in difficoltà.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo