Consacrata la cappella San Matteo nella caserma della Guardia di finanza

La cerimonia è stata celebrata da monsignor Santo Marcianò, Ordinario militare per l’Italia. La chiesa è dedicata a San Matteo apostolo, patrono delle “Fiamme gialle”. Posizionata sull’altare una reliquia di santa Madre Teresa di Calcutta.
Cappella GdF
Società

E’ stata consacrata nella mattinata di oggi, la “Cappella San Matteo”, che sorge all’interno del Comando territoriale della Guardia di finanza di Aosta, in via Clavalité. La cerimonia è stata celebrata dall’Ordinario militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò, alla presenza del Presidente della Regione Renzo Testolin, del comandante regionale Piemonte-Valle d’Aosta delle “Fiamme Gialle”, il generale di Divisione Benedetto Lipari, e del comandante territoriale, colonnello Massimiliano Re.

“Da sempre le chiese costruite all’interno delle caserme – fa sapere la Guardia di finanza sono luoghi in cui vengono celebrati i momenti salienti della vita di comunità, siano essi lieti (battesimi, corsi di preparazione al matrimonio cristiano, preghiere di ringraziamento) o tristi (veglie di preghiera per i defunti, Messe di suffragio per i caduti o i morti in servizio)”. In questo senso, la “Cappella San Matteo” assurgerà a “luogo simbolico attorno al quale la comunità militare potrà stringersi nella vita di tutti i giorni e, soprattutto, negli eventi più significativi e intensi della propria storia”.

Durante la funzione religiosa, monsignor Marcianò ha consacrato l’altare, posizionando una reliquia di Santa Madre Teresa di Calcutta, apostola della carità. La chiesa è dedicata a San Matteo apostolo, patrono della Guardia di finanza. Nel corso della cerimonia è stato, infine, “ricordato il sacrificio dei finanzieri deceduti che, con spirito di servizio e amore verso il prossimo, hanno scelto di donare la propria vita al servizio della collettività”.

Cappella GdF
La consacrazione della cappella San Matteo.

4 risposte

  1. Vergognoso sentire commenti pieni di odio come questo. Non è nascondendo il Buon Dio che risolverà il suo problema con Lui. E il tempo che le resta non è infinito…

  2. Vergognoso che nelle pubbliche istituzioni vi sia ancora la presenza della chiesa. Non dovremmo essere uno stato laico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte