Consegnata alla famiglia di Angelo Pilotto la Medaglia d’onore

Pilotto, nato a Brendola il 21 ottobre 1923, fu fatto prigioniero in Montenegro e deportato in Germania, nel campo di concentramento di Meppen prima e trasferito a Düsseldorf in seguito dove il 9 marzo 1945 fu liberato da reparti americani. Hanno ritirato la medaglia le nipoti Jeanne e Marzia.
La consegna della Medaglia d’onore alla famiglia di Angelo Pilotto
Società

Il Presidente della Regione Erik Lavevaz ha consegnato questa mattina – 11 febbraio – la Medaglia d’onore ai familiari di Angelo Pilotto. Il riconoscimento è concesso ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale. Hanno ritirato la medaglia le nipoti Jeanne e Marzia.

Angelo Pilotto è nato a Brendola, in Provincia di Vicenza, il 21 ottobre 1923. Arruolato il 10 gennaio 1943 nel 4° Reggimento Alpini – Battaglione Aosta, dopo un breve periodo di addestramento, nel mese di aprile 1943, viene destinato in Croazia dove raggiunge il Battaglione Alpini Aosta che in quel momento è impegnato in azioni di controguerriglia nella zona di Prijepolje.

Viene fatto prigioniero a Danilovgrad, in Montenegro, il 10 settembre 1943 e deportato in Germania nel campo di concentramento di Meppen il 28 ottobre dello stesso anno. Il 5 novembre viene trasferito a Düsseldorf dove è impiegato come manovale nell’edificazione di fortificazioni campali. Il 9 marzo 1945 viene liberato da reparti americani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società