Cresce la Consulta per le Attività culturali di Aosta

La Consulta comunale per le attività culturali di Aosta, che attualmente riunisce al proprio interno una ventina di associazioni, in 16 anni di attività ha patrocinato oltre 600 attività sul territorio aostano, ?Un bilancio...
Società

La Consulta comunale per le attività culturali di Aosta, che attualmente riunisce al proprio interno una ventina di associazioni, in 16 anni di attività ha patrocinato oltre 600 attività sul territorio aostano, ?Un bilancio positivo – spiega Mauro Caniggia, presidente della Consulta – senza contare quelle che sono state organizzate senza contributo o in maniera estemporanea, che non figurano nei bilanci ufficiali?.
L’organismo, costituito nel 1991 dal Consiglio comunale di Aosta, continua a cresce ed insieme a lui il tessuto culturale del capoluogo regionale. Dalle dieci associazioni iniziali nel 1991 oggi si è passati a venti, ?un numero rappresentato da realtà etereogenee tra di loro i cui interessi spaziano dal teatro alla danza, dalla pittura alla storia ma non solo?.
?Il gruppo di lavoro che sta dietro la Consulta, è basato su attività esclusivamente volontaria. Nessun membro quindi percepisce stipendi, gettoni di presenza o emolumenti di qualsiasi genere? ha precisatpo ancora Caniggia in occasione della presentazione del programma delle attività per il 2007. Il Comune di Aosta ha previsto un stanziamento di 22mila euro (in leggero aumento rispetto al passato), per finanziare le 24 iniziative in cartellone: conferenze, corsi, seminari, mostre di pittura, incontri e proiezioni. Gli appuntamenti sono consultabili sul nuovo sito, in rete dal 17 febbraio scorso, all’indirizzo internet www.consultaosta.it.
La vivacità del tessuto culturale valdostano è testimoniata, oltre che dai diversi campi di cui si occupano le associazioni, anche dall’entrata in Consulta nuove associazioni ?Si tratta di una realtà molto ricca, la presenza di associazioni è molto vasta e direi che il bilancio della nostra attività è positivo proprio perché se l’offerta cresce significa che le associazioni sul territorio sanno lavorare insieme e in concordia per proporre alla cittadinanza un programma fitto di proposte?.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società