Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 6 Febbraio 2020 11:26

Dall’Associazione Alpini 23mila euro in beneficienza raccolti al Marché Vert Noël

Aosta - A ricevere la somma, divisa in 7mila 670 euro a testa, sono stati quest’anno - la consegna degli assegni è avvenuta oggi, mercoledì 5 febbraio - l’Ente nazionale sordi, il Centro donne contro la violenza e la cooperativa sociale Indaco.

La consegna dei fondi raccolti durante il "Marché Vert Noël" dall'AnaLa consegna dei fondi raccolti durante il "Marché Vert Noël" dall'Ana

Il +15% di visitatori unici calcolati durante il Marché Vert Noël di quest’anno ha avuto anche un altro riflesso.

Sono stati infatti 23mila 010 gli euro raccolti durante i 45 giorni dei mercatini natalizi da parte dell’Associazione nazionale Alpini Valle d’Aosta ben oltre i 19mila 062,50 dello scorso anno – e che verranno devoluti in beneficienza.

A ricevere la somma, equamente divisa in 7mila 670 euro a testa, sono stati quest’anno – la consegna degli assegni è avvenuta oggi, mercoledì 5 febbraio – l’Ente nazionale sordi, il Centro donne contro la violenza e la cooperativa sociale Indaco.

“Questo è un appuntamento diventato da parecchi anni abituale – ha spiegato il Presidente dell’Ana Carlo Bionaz – nel quale dopo aver fatto i conti alla fine dei mercatini si può dare un aiuto tangibile alle associazioni. Quest’anno abbiamo fatto un balzo in avanti per quel che riguarda il ricavato, che abbiamo diligentemente diviso in tre parti. Per noi alpini questo è un impegno molto importante, con almeno tre persone e mezzo presenti al giorno al Marché, per tutti i 45 giorni”.

Un impegno che ha però una finalità benefica, che restituisce agli alpini un po’ dell’energia spesa: “Ma è anche un motivo di soddisfazione offrire questo servizio – prosegue Bionaz -, perché le ore passate lì hanno un buon fine: oltre a vedere molta gente, ridere e scherzare, riusciamo ad ottenere un risultato importante”.

A far eco al Presidente Ana è Antonella Marcoz, Vicesindaca di Aosta: “Questo è sempre un bel momento che arriva alla chiusura dei mercatini, che con i suoi maggiori accessi ha permesso agli alpini di ottenere un incasso più cospicuo rispetto agli scorsi anni. Se non ci fossero loro questo momento non sarebbe esistito, grazie all’impegno di essere presenti tutti i 45 giorni per raccogliere fondi che poi vengono devoluti in beneficienza, un gesto di grande attenzione da parte dell’Associazione”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>