Dopo due anni riapre parte del PalaIndoor di Aosta

A spiegarlo, in una nota, l’Amministrazione del capoluogo. A disposizione di sportivi e associazioni saranno la palestra di arrampicata e la pista di atletica, comprensive di spogliatoi e servizi igienici e cinque campi da tennis. Nei prossimi giorni verranno approvati dalla Giunta gli orari di apertura e le tariffe.
Società

Dopo due anni di chiusura al pubblico – prima per i lavori di adeguamento antincendio e poi per l’impiego come centro vaccinale anti-Covid –, lunedì 27 febbraio il riaprirà il PalaindoorMarco Acerbi” di Aosta.

A spiegarlo, in una nota, l’Amministrazione del capoluogo. A gestire temporaneamente la struttura – in attesa che venga completata la procedura di co-progettazione per la sua riqualificazione e gestione del Palaindoor, assieme a quella del campo di atletica Tesolin – sarà l’associazione sportiva dilettantistica Assva, già subconcessionaria in passato.

La durata della concessione sarà di sei mesi rinnovabili per ulteriori sei – dicono da piazza Chanoux –, e comunque per il tempo necessario all’individuazione del futuro partner che co-gestirà l’impianto con il Comune. A tal proposito, la scadenza per la presentazione delle manifestazioni di interesse è fissata per le 12 di martedì 28 febbraio.

In seguito alla conclusione dei lavori del cosiddetto “Lotto 0”, a disposizione degli sportivi (e delle associazioni sportive sublocatarie) vi saranno la palestra di arrampicata e la pista di atletica con le aree per i salti, comprensive di spogliatoi e servizi igienici, accessibili dall’ingresso laterale, e cinque campi da tennis (tre coperti e due coperti), anch’essi dotati di spogliatoi e servizi.

Nei prossimi giorni verranno approvati dalla Giunta gli orari di apertura del Palaindoor e le tariffe da applicare per il suo utilizzo.

La conduzione dell’impianto (apertura, funzionamento, custodia, sorveglianza, pulizia, personale, utenze, sicurezza, polizze, ecc.) sarà a completa cura del gestore, mentre il Comune concederà un contributo a titolo di copertura delle spese di riscaldamento, energia elettrica e acqua potabile nella percentuale massima del 50 per cento e per un importo massimo di 75mila euro per il primo semestre, e di 150mila euro in caso di rinnovo per un ulteriore semestre.

“Siamo felici di poter restituire al mondo sportivo quegli spazi, o almeno buona parte di essi, che erano venuti meno due anni fa – spiega l’assessora allo Sport Alina Sapinet –. Nei prossimi mesi completeremo l’iter per la co-progettazione della futura gestione del complesso, ma ci sembrava comunque indispensabile per la comunità garantire quanto prima possibile, anche attraverso una conduzione provvisoria, la disponibilità della parte dell’impianto già a resa a norma. Per il futuro, poi, ci auguriamo che non si debba mai più pensare al Palaindoor ‘Marco Acerbi’ come a un presidio sanitario ma, piuttosto come, a un luogo per la cura della salute e del benessere fisico attraverso il movimento e lo sport”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte