Società di Nathalie Grange |

Ultima modifica: 15 Ottobre 2020 10:15

Emergenza Covid: una mamma racconta la sua odissea alle prese con il sistema sanitario valdostano

Aosta - Il racconto di una mamma, Sabina Valentini, che per diversi giorni ha ricercato informazioni su come comportarsi dopo che il figlio minorenne ha saputo di avere un amico positivo.

Sede dell'USl della Valle d'Aosta

Sa cos’è che mi fa arrabbiare: che viene disincentivato chi, per senso di responsabilità, vuole collaborare con il sistema sanitario, dare il suo contributo per fermare il contagio”. E’ allibita Sabina Valentini, di Aosta, dinanzi al rimpallo di responsabilità, all’assenza di risposte e di chiarezza, da parte della sanità valdostana, sui protocolli e su comportamenti da adottare quando si scopre di aver avuto un contatto con un soggetto positivo.

Ma veniamo ai fatti. Sabato scorso, il 10 ottobre, il figlio minorenne di Sabina Valentini riceve una telefonata da un amico che gli comunica di essere risultato positivo al tampone. Lui sta bene, non ha sintomi e l’ultimo contatto tra i due risale già ad una settimana prima. La madre, scrupolosa, però non se la sente di far finta di niente e telefona al medico di famiglia per capire come comportarsi: suo figlio può uscire con gli amici? Lunedì potrà andare a scuola? Dovrà fare il tampone anche lui? Insomma gli interrogativi che, in questi giorni, risuonano nelle case di molti valdostani.

E qui inizia quella che si può definire un’odissea alla ricerca del protocollo da applicare in situazioni analoghe. Perché il medico risponde che dare questo tipo di informazioni non è di sua competenza e di rivolgersi al 112. Sabina Valentini, un po’ titubante all’idea di ricorrere ad un servizio di emergenza solo per un’informazione, fa prima un passaggio al centro di igiene e prevenzione, ma è chiuso nel fine settimana. “In un periodo come questo mi è sembrato assurdo che non vi fosse neanche una reperibilità telefonica” ci racconta.

Si rassegna quindi a chiamare il 112 che le spiega innanzitutto che avrebbe dovuto contattare il centro di igiene e prevenzione e che, essendo  chiuso, di ritenere il ragazzo in isolamento fiduciario fino alla sua riapertura il lunedì mattina. “

Sabina Valentini segue alla lettera le direttive e lunedì 12 ottobre, alle otto puntuali, telefona al centro di igiene. Le rispondono nell’ordine che deve parlare con un medico, che i medici non sono ancora arrivati, che non si sa quando saranno in sede e, in ultimo, che non sono disponibili. Nel mezzo le vengono forniti dei numeri diretti che risulteranno inesistenti. “Per me era importante capire il più presto possibile il da farsi per non far perdere a mio figlio, che è in quarta superiore, ulteriori giorni di scuola in un anno che si preannuncia già complicato o per avvisare la scuola per attivare la didattica a distanza se fosse stato in isolamento”.

Animata dalla volontà di risolvere e di capire il da farsi Sabina non demorde e richiama. Le dicono finalmente di scrivere una mail a cui risponderanno appena possibile. “Sono passate 48 ore e sto ancora aspettando, nel mentre ho deciso di mandare mio figlio a scuola” ci spiega sconsolata. “Certo che se dovesse succedere nuovamente, ed è facile che possa ricapitare, non chiamerò più sapendo che è praticamente impossibile avere una risposta E credo che in tanti faranno come me”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

6 commenti su “Emergenza Covid: una mamma racconta la sua odissea alle prese con il sistema sanitario valdostano”

  • Sulla circolare scolastica della scuola di mio figlio è scritto chiaramente che in caso di contatto con un positivo si deve stare a casa per 14gg dalla data del contatto. La signora le avrà lette?

    • Non so se la signora le avrà lette ma un servizio pubblico di questa importanza in un periodo come questo deve essere sempre raggiungibile. È un po’ una vergogna che non lo sia.

  • Ma vi rendete conto ……. nessuno si è preoccupato di creare un servizio a supporto con delle risposte certe per chi come questa signora ne ha diritto
    se siamo in pandemia facciamo anche il giorno di riposo? servirebbe un servizio H24 nel 2020 è complicato ?
    se ci atteniamo al semplice fatto di leggere una circolare che dice di mettersi in quarantena per 14 giorni blocchiamo il paese
    Servono tamponi rapidi e in tempi bremi il modo deve continuare nonostante il covid, stiamo dimostrando tutta l’incapacità organizzativa della classe dirigente attuale
    Se dovessero gestire una qualsiasi azienda sarebbero già falliti da tempo……

  • Sono in isolamento domiciliare da sabato , mi è stato detto ” in caso di necessità contattatemi senza problemi ” , peccato che poi per prendere la linea ho aspettato mezza giornata e quando qualcuno mi ha risposto, in malomodo mi ha detto che non aveva tempo per me perché aveva delle altre priorità tra l’altro senza sapere neppure di che cosa si trattasse. Ora, io capisco che magari il mio bisogno di sapere se il nuovo decreto dei 10 giorni di quarantena avesse riguardato anche me non fosse così importante(per me lo è eccome, sono un artigiano e stare in isolamento 4 giorni in più, fa una grossa differenza) e capisco anche che forse alcuni operatori siano sottoposti a pressione costante, ma cosa ci dovevamo aspettare con l’arrivo dell’inverno? Abbiamo avuto tutto il tempo per organizzarci o quanto meno di mettere a disposizione del cittadino una rete di informazioni basilari per la salute, invece un solo numero sempre occupato e con nessuna idea chiara……..elezioni, votazioni, paroloni e autoproclamazioni, sapete come si chiama….PROPAGANDA!

Commenta questo articolo