Società di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 14 Settembre 2021 14:06

Treno soppresso e pesanti ritardi, la Regione scrive a Trenitalia

Aosta - Sui pesanti ritardi nei treni dei pendolari di questa mattina interviene la Regione. Il Presidente della Regione scrive a Trenitalia per chiedere "il massimo impegno affinché un tale disservizio, che ha messo in seria difficoltà studenti e lavoratori, non abbia più a ripetersi”.

treni ritarditreni ritardi

Secondo giorno di scuola e primi problemi con i trasporti. Un treno del mattino soppresso, alcuni pendolari lasciati a piedi e altri accalcati su un convoglio. E’ la mattinata di fuoco vissuta da studenti e lavoratori, che dalla Bassa Valle devono raggiungere Aosta.

Il treno che partiva da Ivrea alle 6.38 è stato cancellato, dopo un guasto ad un passaggio a livello fra Settimo Tavagnasco e Pont-Saint-Martin, che ha rallentato la circolazione ferroviaria e su i due successivi, che viaggiavano già con un buon ritardo, si sono riversati tutti i pendolari. Chi non è riuscito a salire ha ripiegato sul mezzo privato.

Uno dei due convogli, quello partito da Ivrea alle 6.17, arrivato a Pont-Saint-Martin con una ventina di minuti di ritardo, è stato fermato a Chatillon perché troppo carico. Alcune persone, fra urla e minacce di chiamare le forze dell’ordine, sono state fatte scendere, per salire poi sul treno successivo, anch’esso in ritardo. Il treno è arrivato alla stazione di Aosta con un’ora di ritardo.  Quaranta i minuti di ritardo accumulati invece dal treno partito da Ivrea alle 6.50.

La Regione protesta con Trenitalia

Forte disappunto nei confronti dei gestori ferroviari per i pesanti ritardi registrati oggi sulla linea valdostana è stato espresso in mattinata dal Presidente della Regione Erik Lavevaz, anche in qualità di Assessore ad interim ai Trasporti e dall’Assessore all’Istruzione Luciano Caveri.

“Abbiamo appreso che a causa di un guasto a un passaggio a livello – riferisce il presidente Lavevaz – tre treni frequentati da pendolari e studenti sono giunti ad Aosta con ritardi inaccettabili, rispettivamente di 62, 35 e 40 minuti. E’ mia intenzione formalizzare la protesta della Regione Valle d’Aosta nei confronti di Rfi e di Trenitalia con una lettera in cui chiederò il massimo impegno affinché un tale disservizio, che ha messo in seria difficoltà studenti e lavoratori, non abbia più a ripetersi”.

“Non è un buon inizio dell’anno scolastico per i ragazzi che oggi hanno perso lezioni – commenta l’Assessore Caveri – ci aspettiamo dai gestori ferroviari più serietà nei confronti dell’utenza, in particolare quella studentesca, che sta vivendo un momento delicatissimo di rientro a scuola e che merita di tornare alla normalità, senza disagi”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo