Società di Silvia Pandolfini |

Ultima modifica: 9 Aprile 2021 10:49

Giovane cuoco valdostano porta i sapori di Gressoney-La-Trinité a Cuochi d’Italia Under 30

Gressoney-La-Trinité - Claudio Fiorentini, ventiquattrenne, cuoco del Castore & Polluce- Lounge Bar & Wine Restaurant di Gressoney-La-Trinité ha partecipato alla trasmissione “Cuochi d’Italia”, edizione “Under 30”, andata in onda ieri sera, battendo l’avversaria senese con un vantaggio di 9 punti. I due giovani si sono cimentati nella preparazione di un piatto valdostano e di uno toscano, a sorpresa per entrambi.

Claudio FiorentiniClaudio Fiorentini

Si è destreggiato con efficacia nella preparazione dei fedeli chnéffléne, ma se l’è cavata alla grande anche in quella del cibreo, suo debutto
“Non conoscere i piatti da cucinare è stata la difficoltà maggiore, ma
ho cercato di metterci del mio anche se non li conoscevo”. Il giovane Claudio Fiorentini ha partecipato alla trasmissione “Cuochi d’Italia”, edizione “Under 30”, andata in onda ieri sera su Tv 8. Ventiquattrenne originario torinese, è il cuoco del Castore & Polluce- Lounge Bar & Wine Restaurant di Gressoney-La-Trinité, paese in cui vive da tre anni.

Sono stato selezionato direttamente da loro” racconta “ho accettato perché ho riconosciuto che poteva essere una buona opportunità. Mi piacciono abbastanza le sfide, sono convinto che servano per crescere a livello personale, di conseguenza ho pensato fosse doveroso per me affrontare questa”.

Fiorentini ha sostenuto questa avventura due mesi fa, tra le stoviglie e le telecamere dello studio di Cologno Monzese, intrattenuto del conduttore Cristiano Tomei e valutato dei giudici Gennaro Esposito e Diego Rossi. “Ho vissuto bene questa esperienza” osserva “all’inizio ero un po’ agitato, ma dopo ero tranquillo”.
La Valle d’Aosta ha fronteggiato la Toscana: la sfidante era infatti una ragazza venticinquenne di Siena. 

Entrambi i concorrenti si sono gettati sulla cloche misteriosa: al posto di optare per uno dei piatti presentati dall’avversario, hanno scelto il quarto, alla ceca, suggerito solo da piccoli indizi. Le tre proposte di Claudio erano: risotto al Bleu d’Aoste, trota salmonata lardellata e cervo in crosta di grissini: tutti piatti in cui ai sapori valdostani sono accostati quelli del Piemonte, sua terra d’origine. 
“Ero contento” svela Claudio dietro le quinte riferendosi alla rivelazione della cloche misteriosa: gli chnéffléne, dei piccoli gnocchetti fatti con farina, latte e uova, conditi con burro e cipolla o fonduta di toma. “E’ un piatto che conosco, per questo mi sono imposto di farlo in maniera perfetta” riferisce. E la sua determinazione non ha deluso i giudici, che hanno assegnato entrambi 8/10 al suo preparato. “Sono saporiti, gustosi, rustici…” apprezza all’assaggio Diego Rossi.
La sorpresa della pietanza avversaria è stata invece più minacciosa. “Quando ho visto cibreo mi sono preoccupato, mi aspettavo tutt’altro” ammette il giovane cuoco. Il cibreo è un tipico secondo piatto della cucina fiorentina a base di rigaglie di pollo rosolate e mescolate a una salsa di tuorli d’uovo, limone e brodo bollente; nemmeno i giudici ne nascondono la complessità: “E’ difficile perché bisogna tenere conto delle diverse cotture” allertano. Tuttavia rimangono soddisfatti dall’impegno di Claudio: “Mi è piaciuto il fatto che non hai mollato e che hai seguito i consigli. Era un piatto difficile” si congratula Rossi. Da questi buoni risultati il concorrente valdostano esce vincitore, ottenendo 31 punti contro i 22 della sfidante toscana.

Da questa vicenda, Claudio Fiorentini sostiene di essersi arricchito “per aver provato l’atmosfera delle telecamere, essermi un po’ sciolto emotivamente e per aver conosciuto e preparato nuovi piatti”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo