I noti problemi della ferrovia tornano sul tavolo dell’Amministrazione regionale

Incontro tra Assessore Marguerettaz e Organizzazioni sindacali per confrontarsi sui numerosi problemi del servizio ferroviario valdostano. Trenitalia assicura in un documento risposte precise ai problemi. Continuano le azioni di “pungolamento”.
Società
Torna sui tavoli dell’Amministrazione regionale uno dei temi tra i più complessi e di difficile soluzione che da anni tocca il settore dei trasporti valdostani: la ferrovia. Il 25 novembre, infatti, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali valdostane dei trasporti si sono incontrati con l’assessore competente Aurelio Marguerettaz che ha reso edotti i presenti del recente incontro con l’ing. Giancarlo Laguzzi, a capo della Divisione passeggeri regionale di Trenitalia. Nell'incontro con l'alto ridigente di Trenitalia sono state affrontate nuovamente alcune delle principali e ormai note problematiche del servizio ferroviario in Valle d’Aosta: materiale rotabile inadeguato, vedi i nuovi Minuetto, insufficiente livello di servizio e qualità delle informazioni fornite all’utenza. Ai già conosciuti “nei” del trasporto su rotaia tra le nostre montagne, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali hanno voluto, per amor di precisione, aggiungere altre pecche del servizio, oltre agli altri “supplizi” patiti dai pendolari e utenti, e dunque: materiale rotabile in condizioni sempre più precarie e non adeguato ai tracciati di montagna, pulizia dei convogli sempre meno attenta, anche per problemi di scarsità di risorse dedicate; riduzione continua del personale e conseguente chiusura graduale delle biglietterie. A questi problemi sono stati poi aggiunti il bisogno di stringere con Trenitalia, in attesa delle norme di attuazione, accordi commerciali ponte, la revisione degli orari per analizzare la possibilità di introdurre alcune fermate ritenute importanti e il rischio che i treni valdostani, a trazione diesel, non possano più impegnare il passante ferroviario di Torino, completamente in galleria.

L’Assessorato e la Divisione passeggeri regionale di Trenitalia hanno anche affrontato nel corso dell’incontro dei giorni scorsi il tema dell’utilizzo dei circa 2 miliardi di euro stanziati dal Governo e dei possibili scenari per i futuri contratti di servizio. Laguzzi ha assicurato in merito la redazione e trasmissione di un documento di risposta completo, articolato sui vari punti, relativo al riavvio dell’iter di approvazione delle norme di attuazione e alla richiesta alla Regione Piemonte di uno specifico incontro relativo alla lunetta di Chivasso. Nell’attesa che Trenitalia accelleri e concretizzi impegni e promesse, sul fronte valdostano l’Assessorato competente e le organizzazioni sindacali hanno deciso di adoperarsi, ognuno per quanto di competenza e nelle sedi opportune, per ottenere dalle società del gruppo FS risposte rapide ed efficaci sulle varie questioni. L’ipotesi è anche quella di attivare specifici tavoli di confronto sugli altri temi del trasporto: aeroporto, future politiche tariffarie e il nuovo piano di bacino di traffico.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte