Impugnativa bonus Covid, i sindacati: “Anche le Oss delle microcomunità aspettano il premio”

Cgil, Cisl e Uil chiedono tempi brevi per la contrattazione sui fondi statali: "I nostri lavoratori della sanità meritano azioni concrete di gratitudine e non solo pacche sulle spalle a parole”.
Sindacati
Società

“Dare corso in tempi brevi alla contrattazione relativa ai fondi messi a disposizione dallo Stato, perché gli operatori sanitari definiti, giustamente, eroi nel periodo dell’emergenza sanitaria, non possono e non devono più aspettare”.

Questo chiedono le Funzioni Pubbliche di CgilCisl e Uil, parlando dell’incontro di ieri – mercoledì 19 agosto – con il Presidente della Regione Testolin e l’Assessore alla sanità Baccega, incentrato proprio sul contenzioso Stato-Regione riguardo il “bonus Covid” al personale sanitario.

I sindacati spiegano: “Abbiamo chiesto perentoriamente alla Regione di andare a contrattare sulle quantità previste dal decreto in attesa che venga chiarita la competenza statutaria della nostra Regione Autonoma per le somme eccedenti, perché i nostri lavoratori della sanità meritano azioni concrete di gratitudine e non solo pacche sulle spalle a parole”.

Tutti i lavoratori che ruotano attorno al Sistema sanitario – specificano Cgil, Cisl e Uil – nessuno escluso: “Anche le Oss delle microcomunità aspettano il premio previsto. Il nostro auspicio, quindi, è che tutta la vicenda abbia un buon esito e si dia il meritatopremioanche alle oss delle microcomunità, oltre che al personale dell’indotto socio sanitario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società