Inail, nel 2020 il 16,7% degli infortuni sul lavoro in Valle sono stati causati dal Covid-19

Riguardo solamente l’ultimo trimestre del 2020, scrive l'Inail, l’incremento nella nostra regione si attesta al +85,6%. Il 57,7% dei casi ha interessato i lavoratori della Sanità e dell’assistenza sociale.
Infermieri Covid - foto di repertorio
Società

La Valle d’Aosta, il Piemonte e la provincia autonoma di Trento sono le uniche regioni che nel 2020 hanno presentato, rispetto all’anno precedente, un incremento delle denunce di infortuni sul lavoro, causate dal Covid-19.

A scriverlo, in una nota, è l’Inail. L’incremento rispetto all’anno precedente, in Valle, è stato del 16,7%. Riguardo solamente l’ultimo trimestre del 2020 l’incremento nella nostra regione si attesta al +85,6%.

Nel periodo preso in esame dall’Inail per le denunce di infortunio sul lavoro – da gennaio al 30 novembre 2020 –, sono state 609 quelle in Valle d’Aosta, che hanno coinvolto 472 donne (77,5%) e 137 uomini (22,5%) colpendo, per il 43,7% la fascia d’età dai 50 ai 64 anni, con 266 casi.

Il 57,7% dei casi ha interessato i lavoratori della Sanità e dell’assistenza sociale, il 23,1% l’Amministrazione pubblica, l’11,3% il Noleggio e i servizi alle imprese, il 2,8% l’Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione, l’1,5% il settore del Commercio mentre il 3,6% ha coinvolto altri settori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte