Itinerari europei: un portale web per la via Francigena e il Cammino di Santiago

Il progetto internazionale 'I Cammini d'Europa' propone guide culturali e turistiche, reportage, vetrine territoriali, giornate del pellegrino all'interno di una strategia che vuole promuovere turismo commercio dei prodotti dei territori.
Società
Sviluppare una strategia integrata di promozione turistica e di commercializzazione dei prodotti dei territori attraversati dai principali itinerari culturali europei: il cammino di Santiago e la Via Francigena. E’ questo l’obiettivo del progetto “I Cammini d’Europa”, iniziativa di cooperazione transnazionale LEADER +, che dal 2004 ha messo in rete diversi Gruppi di Azione locale italiani, oltre a realtà estere spagnole, francesi, portoghesi e svedesi, sotto il coordinamento di un apposito Gruppo Europeo d’ Interesse Economico (GEIE), per portare avanti azioni capaci di valorizzare e creare un indotto economico concreto sui territori attraversati dai più importanti itinerari culturali europei.

In Valle d’Aosta sono 35 le strutture che hanno finora hanno deciso di accreditarsi al progetto, di cui si sta occupando il Gruppo di Azione Locale (G.A.L. Vallée d’Aoste Leader società cooperativa), e che sono contrassegnate da un apposito cartello raffigurante un “pellegrino”. Si tratta in particolare di strutture ricettive, Aiat, aziende enogastronomiche e legate ai prodotti tipici del territorio, B&B, agriturismo, alberghi. Tra le azioni inserite in questo contesto, inoltre, entro l’estate un’apposita segnaletica orizzontale e pannelli informativi saranno posizionati sulla tratta valdostana dell’itinerario. Un intervento di valorizzazione e promozione che si affianca alle “Vetrine territoriali” che dal 2006 trovano spazio nelle Aiat valdostane e che presentano materiali informativi sul percorso. Tra le altre azioni portate avanti dal progetto “I Cammini d’Europa” figurano una Guida Verde sulla Via Francigena in Italia, due Guide della collana Itinerari, una relativa alla Via Francigena in Valle d’Aosta e una relativa al tratto dal Po a Lucca, pubblicate dal Touring Editore, oltre ad un reportage di viaggio, dal Gran San Bernardo a Roma che è stato presentato nelle scorse settimane a Parma, dove ha avuto luogo un incontro tra gli enti che partecipano al progetto.

Dal punto di vista turistico sono stati creati pacchetti per area territoriale contenuti in un catalogo realizzato dal GEIE Cammini d’Europa con la collaborazione dell’Opera Romana Pellegrinaggi e presentati alle Fiere internazionali di Madrid, Berlino, Parigi, Milano, Roma. E' infine in allestimento il portale www.camminideuropa.com, lo spazio web all’interno del quale si concentrerà gran parte dell’offerta turistica, culturale, ricettiva della Via Francigena e del Cammino di Santiago con percorsi, tappe, informazioni, immagini e gadgetjets.

Da sempre inseriti in una dimensione religiosa, i due itinerari europei, che accolgono ogni anno milioni di pellegrini, con il passare del tempo si sono arricchiti di servizi, offerte, spunti di valorizzazione culturale oltre che turistica, mettendo in campo sinergie e azioni capaci di rilanciare economicamente i territori attraversati. In questo senso è stato creato il progetto “Cammini di Europa” che sarà ulteriormente sviluppato con la nuova programmazione di fondi UE 2007-2013.

La Valle d’Aosta – spiega Viviane Bellot, direttore del GAL – dal punto di vista della ricezione non manca di strutture di qualità. A queste però andrebbero affiancate strutture anche semplici a basso costo capaci di ospitare i pellegrini, che oggi trovano spesso ospitalità presso le case parrocchiali. Una ricettività a “portata di pellegrino” che sappia affiancarsi alla proposta turistica e ricettiva tipica della Valle”.
Tra gli appuntamenti estivi, infine, torneranno anche questa estate le “Giornate del pellegrino”, passeggiate lungo alcuni tratti di via Francigena, in compagnia di una  guida escursionistica e arricchite da degustazioni e visite culturali.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte