Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 23 Gennaio 2021 12:45

Le microcomunità valdostane sono “Covid free”, ma il contagio ora corre fra il personale

Aosta - Le "micro" e le Rsa non fanno segnare ospiti positivi, ma sono 59 (su 1189 totali) invece tra il personale, già isolati. Prosegue, intanto, la vaccinazione nelle strutture. Ad essere vaccinato è stato il 28% degli anziani ed il 36% degli operatori.

JB FestazJB Festaz

Si placa l’andamento dei contagi da Covid-19 nelle microcomunità e nelle Rsa che non fanno segnare alcun positivo tra gli ospiti.

Mentre sono stati vaccinati il 28% circa degli anziani di tutte le strutture in Regione – tolti i 23 presenti a Variney, a tutti gli effetti convertita a ricovero per i positivi -, le Rsa valdostane non hanno casi di contagiati da Covid-19, né decessi.

Se il dato è significativo, in considerazione dell’impatto che il virus ha avuto sulla popolazione più fragile e sugli anziani nella fattispecie, a contagiarsi maggiormente in questo momento è però il personale sanitario. Tra gli operatori, infatti, sono 15 i positivi riscontrati alla microcomunità di Gressan, così come 15 sono quelli intercettati al JB Féstaz Rsa/Uap e ben 29 al JB Féstaz Casa di riposo. In totale sono quindi  59 le unità del personale positive, sui 1189 complessivi.

“So che le vaccinazioni stanno andando avanti in base alla situazione dei consensi – spiega Michel Martinet, Presidente dell’Unité des Communes Mont-Émilius che gestisce la “micro” di Gressan -. Riguardo gli ospiti non c’è nessun positivo, così come nella struttura di Fénis“.

Sotto controllo, comunque, la situazione degli operatori: “Purtroppo succede, a volte. Gli operatori risultati positivi sono però stati messi immediatamente in isolamento”.

Le vaccinazioni

Ancora ondivago il numero dei vaccinati, vista la campagna in corso. In alcune strutture le cifre sono molto alte come a La Salle (con tutti e 25 gli ospiti e i 25 operatori vaccinati), in altre si deve ancora partire.

Nelle Rsa è stato vaccinato il 36% del personale, per una situazione – anche qui – ancora in divenire e disomogenea, in cui spicca il 100% degli operatori vaccinati a Sarre (ma nessuno tra gli ospiti), il 60% a Fénis (20% gli ospiti), il 63% di Valtournenche (ed il 53% tra gli ospiti), l’87% alla “Casa della provvidenza” di Châtillon (nessuno tra gli ospiti) ed il 62% a Gressoney-Saint-Jean (con anche il 92% degli ospiti vaccinati).

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo