Le scuole di Bret a settembre saranno pronte

Per l'inizio del prossimo anno scolastico l'assessore comunale all'Istruzione di Saint-Christophe garantisce la regolarità delle lezioni. I lavori di ristrutturazione vanno avanti. Gli unici ritardi potrebbero riguardare la palestra.
Alcuni bambini in un'attività di garderie all'esterno
Società
A settembre le scuole di Bret, nel comune di Saint-Christphe, saranno a pieno regime. La conferma arriva dall’ultimo Consiglio comunale ed in particolare dalle dichiarazioni dell’assessore preposto Silvia Blanc che ha dato così risposta ad una mozione del gruppo Sinistra per St-Christophe ed ad un’interrogazione della lista civica in cui si paventavano ritardi nei lavori di ristrutturazione delle scuole, che ne avrebbero compromesso l’utilizzo dal prossimo anno scolastico.
Già sono stati predisposti gli appalti per gli arredi – ha dichiarato l’assessore comunale all’Istruzione – Abbiamo dato incarico all’impresa di lavorare in maniera prioritaria per garantire l’entrata nelle classi a settembre, per i bambini della materna e delle elementari. Se si verificheranno dei ritardi questi potrebbero essere circoscritti alla sola palestra; una situazione momentanea che non inficia comunque la regolarità delle lezioni”.
Per i lavori di ristrutturazione delle scuole sono stati deliberati 100mila euro destinati per gli acquisti delle attrezzature e strutture scolastiche e altri 87mila per la messa a norma delle barriere architettoniche e antincendio dello stesso edificio.

Di lavori di ristrutturazione si è parlato anche per le scuole di Pallein per le quali è in fase di definizione il progetto definitivo che verrà approvato prossimamente dalla Giunta comunale. I lavori, da quanto affermato dal sindaco François Desandré non partiranno prima dell’estate 2009 ”questo per garantire il giusto “respiro” tra i due interventi di ristrutturazione ed evitare il rischio di criticità per gli alunni”.

L’assemblea cittadina ha, inoltre, approvato il rendiconto inerente l’esercizio finanziario 2007 che prevede un avanzo di 572mila euro. Il bilancio consuntivo ha rispettato il patto di stabilità ed ha fatto registrare una riduzione delle spese del 1,75%. Le entrate accertate (al netto di quelle da servizi per conto terzi) ammontano al 94,80% di quelle complessive, mentre le spese raggiungono il 91,01% di quelle previste.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati