L’indulto in Valle interessa circa 120 detenuti

Saranno circa 120 i detenuti del carcere di Brissogne che beneficeranno dell'indulto, legge approvata dal Parlamento, che prevede lo sconto di tre anni della pena. Per ora i detenuti scarcerati in Valle sono stati circa una...
Società

Saranno circa 120 i detenuti del carcere di Brissogne che beneficeranno dell’indulto, legge approvata dal Parlamento, che prevede lo sconto di tre anni della pena. Per ora i detenuti scarcerati in Valle sono stati circa una trentina, a seguito dei provvedimenti di scarcerazione, provenienti da diverse Procure. Nella maggior parte dei casi si tratta di cittadini extracomunitari condannati per spaccio di stupefacenti. “Pur essendo un ‘pannicello caldo’, l’indulto risolve una situazione di sovraffollamento ormai insostenibile” ha commentato il presidente della Regione Luciano Caveriho recentemente visitato la struttura penitenziaria – ha poi aggiunto – e ho potuto rilevare un sostanziale consenso intorno alla legge approvata dal Parlamento, sia da parte delle guardie carcerarie che dal mondo che ruota intorno ad una struttura che ha ospitato, fino ad ora, un centinaio di detenuti in più rispetto al dovuto?.
Di fatto il provvedimento del Parlamento riguarda anche gli agenti di polizia penitenziaria ?richiamati per trasgressioni di vario genere? e che potranno beneficiare della cancellazione dal proprio foglio matricolare della censura.
Se da una parte di alleggerisce il carico delle carceri, Brissogne di fatto ospitava 270 carcerati su una capienza di poco più di 100 posti, dall’altra ora il problema diventa quello di coloro che, dopo la scarcerazione, si trovano senza casa e senza possibilità di alloggiare presso parenti o amici. Ad occuparsi di alcune di queste situazione è all’opera l’Associazione valdostana volontario carcerario oltre al Sert.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società