Lo Matsòn segna il predominio dei formaggi de la “Chevrette heureuse”

Bilancio positivo per la IX edizione della Fiera ai piedi del Monte Bianco. Al II concorso regionale dei formaggi di capra l'azienda di Ruben Lazzoni si aggiudica tre podi. Il meglio dell'enogastronomia valdostana in mostra.
Lo Matzon
Società
Bilancio positivo per la IX edizione de "Lo Matsòn", la manifestazione enogastronomia, svoltasi il 13 settembre scorso, che ai piedi del Monte Bianco ha raccolto intorno alle decine di strand allestiti il meglio della produzione locale.
"Lo Matson" nel patois di Courmayeur è la merenda, lo spuntino che si fa tra amici dopo una giornata di lavoro, è stata un'ottima occasione anche questa volta per valorizzare l'attività delle aziende agricole valdostane. La rassegna è organizzata dal Comité de traditions de Courmayeur.
Sui banchi dei produttori tutto il meglio dell'enogastronomia: Fontina, il Vallée d'Aoste Fromadzo, la Toma di Gressoney, Bleu d'Aoste, il reblec, il salignoun; il miele millefiori di montagna, il miele di rododendro chiaro e quello di castagno; e tra gli insaccati, il lardo di Arnad, il Jambon de Bosses, e poi Boudin, Saouseusse, Motzetta, Teuteun, Jambon di St-Oyen. Il tutto accompagnato dalla musica e dal buonumore dei gruppi folkloristici.

La rassegna ha ospitato anche la seconda edizione del Concorso regionale dei formaggi di capra, aperto a tutti i produttori locali. Il miglior formaggio a coagulazione lattica è stato il tomino dell'azienda agricola la Chèvre Heureuse di Ruben Lazzoni, che si è aggiudicato anche il primo posto nelle lattiche stagionate con lo Champchevrette oltre al podio per il miglior formaggio a coagulazione presamica.



Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte