Lunghe code sulla Statale 27, Regione e comuni chiedono ad Anas di intervenire

All'Anas si chiede di eliminare il restringimento stradale, legato al cantiere avviato nel comune di Saint-Oyen, ma anche di garantire una gestione del traffico adeguata.
Immagine di archivio - code Gran San Bernardo
Società

Lunghe code sulla Statale 27 continuano a crearsi in questi giorni, a seguito del restringimento stradale dovuto ai lavori di manutenzione straordinaria Anas per l’adeguamento delle barriere stradali. Domenica pomeriggio la fila di auto in colonne arrivava fino a alla frazione di Echevennoz di Etroubles. E anche ieri pomeriggio si segnalavano 7 km circa di coda.
Una situazione insostenibile sopratutto per i residenti dei comuni di Saint-Oyen, Etroubles e Saint-Rhémy-en-Bosses. 

lavori saint oyen
lavori saint oyen

A intervenire per chiedere all’Anas di porre immediato rimedio, eliminando il restringimento stradale, sono oggi la Regione e i comuni interessati.

“Nell’autunno 2021 e poi nello scorso mese di aprile era stato segnalato ad Anas che l’aumento del flusso veicolare nel periodo estivo avrebbe portato ad una situazione di congestione del traffico sul primario asse di collegamento verso il valico e il traforo internazionale. – ricorda una nota –  Tale preoccupazione è manifestata anche dai rappresentanti della vallata, nei cui territori stagionalmente è considerevole la presenza di turisti, molti provenienti dalla vicina Svizzera. Per questo, si era evidenziato la necessità di una prioritaria e urgente definizione dell’intervento”.

Le risposte di Anas, al momento, non sono state quelle sperate. In particolare la società spiega di “aver inserito l’intervento nella programmazione di manutenzione 2021 e 2022” e che “attualmente l’ultimazione dei lavori è prevista prima della stagione invernale”.

Regione e comuni chiedono ad Anas di “dare massima priorità alla realizzazione dell’intervento, garantendo nel contempo che la gestione del traffico sia adeguata alla diversa intensità dei flussi dei giorni settimanali, delle festività e dei week-end”.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società