Società di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 10 Maggio 2021 11:17

Microcomunità di Morgex, si avvicina l’apertura

Morgex - Fra fine maggio e i primi giorni di giugno atteso il trasferimento dei 18 utenti delle micro di Pré-Saint-Didier e La Thuile. Il comune il 15 maggio organizza una visita della struttura aperta alla popolazione.

anziani foto da pixabayanziani foto da pixabay

Dopo sei anni di lavori e una spesa di 6,2 milioni di euro, la microcomunità di Morgex si prepara ad accogliere i primi utenti.

“L’obiettivo è di aprire il prima possibile, entro fine maggio o al massimo nei primi giorni di giugno” sottolinea il presidente dell’Unité Valdigne, Riccardo Bieller.

Al momento non c’è ancora una data di inaugurazione per la struttura, che il 15 maggio sarà aperta alle visite della popolazione (prenotazioni al nr 0165/801713).
“Ci tenevano ad aprire la microcomunità alla popolazione interessata – – spiega il sindaco di Morgex, Federico Barzagli – affinché potessero vedere, prima della sanificazione e del trasferimento degli utenti, come è si trasformato questo stabile di proprietà comunale, che in passato aveva ospitato le scuole del paese”.

I primi diciotto posti della microcomunità al primo piano saranno occupati nelle prossime settimane dagli utenti delle due strutture di Pré-Saint-Didier e La Thuile, destinate alla chiusura. Gli altri dodici posti andranno invece in futuro ad accogliere gli utenti della microcomunità di Introd, che necessita di lavori di ristrutturazione.  Oltre agli utenti è previsto anche il trasferimento del personale.

Dovranno invece arrivare ancora delle autorizzazioni amministrative per vedere operativo anche il secondo piano della struttura, dove troverà sede una Rsa gestita dall’Azienda Usl. 

“Stiamo definendo la convenzione” aggiunge Bieller “In un primo tempo qui saranno ospitati i pazienti covid positivi in via di guarigione”.

I lavori dell’ultimo piano della struttura, che in base all’accordo firmato nel 2009 con la Regione spettano all’Unité, saranno progettati e appaltati nei prossimi mesi. L’idea è di realizzazione dei servizi, che possano essere utilizzati anche dagli esterni, oltre a due mini alloggi da destinare a “polmone” dell’emergenza abitativa.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo