Parere favorevole per la strada del Comboé

L'approvazione per il progetto della strada Ponteille-Comboé, nel comune di Charvensod. spetta ora alla Giunta regionale. Il VIA, il servizio valutazione impatto ambientale della Regione, ha infatti dato parere favorevole...
Società

L’approvazione per il progetto della strada Ponteille-Comboé, nel comune di Charvensod. spetta ora alla Giunta regionale. Il VIA, il servizio valutazione impatto ambientale della Regione, ha infatti dato parere favorevole alla realizzazione della strada per la quale, in questi mesi, gli ?Amici del vallone di Comboe? si sono dati da fare per impedirne la costruzione, compresa una petizione che ha raccolto 1.650 firme. Alla notizia del parere positivo del VIA, gli Amici di Comboe hanno risposto con una nota stampa, nella quale hanno espresso tutto il loro disappunto. Per chi ha presentato la petizione contro la strada in questione l’unica risposta ?per il mantenimento delle risorse e del paesaggio?, non può essere evidentemente la costruzione della strada?
Parlando di ?atteggiamento miope e inopportuno? gli ?Amici del vallone di Comboe? si dicono molto preoccupati e ?ci chiediamo – si legge nella nota – come un comitato di tecnici, quello del Via, possa esprimere un parere che approva un progetto impattante e pericoloso in mancanza di dati fondamentali e obbligatori e in presenza di dati evidenti a favore di una tutela dell’ambiente e dell’interesse della collettività”.
Non mancano ovviamente le critiche sulla decisione assunta tra le quali: ?la sottovalutazione della presenza della frana della Becca di Nona; il non tenere conto anche di tutte le attenzioni che implica l’appartenenza dell’area alla Zona di Protezione Speciale ‘Mont Avic e Mont Emilius’ e all”Iba Gran Paradiso; la superficialità con cui è stata considerata la presenza dell’area umida; la sottovalutazione del fatto che questo è uno dei pochissimi siti rimasti incontaminati e sicuramente uno dei più facilmente fruibili dai valdostani e dai turisti?.
Il vallone di Comboé è stato recentemente inserito tra i ?I luoghi del cuore? da un’iniziativa del Fondo ambientale italiano.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società