Pedaggio gratis una volta su cinque per i pendolari valdostani che si recano al lavoro

Finalmente i tanto attesi sconti sulle tariffe autostradali per i pendolari sono diventati realtà. Da diversi anni, infatti, la proposta di introdurre delle agevolazioni per questa categoria veniva periodicamente rievocata...
Società

Finalmente i tanto attesi sconti sulle tariffe autostradali per i pendolari sono diventati realtà.
Da diversi anni, infatti, la proposta di introdurre delle agevolazioni per questa categoria veniva periodicamente rievocata in Consiglio regionale. Gli ultimi aumenti delle tariffe, risalenti all’inizio del 2006, hanno probabilmente impresso un’accelerazione al processo che ha portato alla firma dell’accordo tra la Regione e le società autostradali Rav e Sav.

I principali interessati sono i circa duemila valdostani che svolgono lavoro dipendente e che si devono spostare in auto, per ragioni di lavoro, tra le località di Aosta, Nus, Chatillon, Verres e Pont Saint Martin. Il tratto di autostrada che percorre l’alta Valle, essendo sprovvisto di caselli, non rientra in questo tipo di facilitazioni.
Per i primi 18 mesi l’accordo tra Regione e società autostradali sarà avviato in forma sperimentale.
Tra gli obiettivi del provvedimento, la promozione del car sharing, ovvero dell’utilizzo condiviso dell’auto da parte dei lavoratori che effettuano lo stesso tragitto.

La riduzione sarà applicata sulla base di pacchetti da cinque biglietti, uno dei quali sarà gratuito. Inquesto modo i pendolari, che avranno a loro disposizione un tetto massimo di 40 biglietti al mese, risparmieranno il 20% dei costi dell’autostrada.
Per ottenere le facilitazioni, è necessario compilare un modulo e allegare il certificato di residenza e una dichiarazione del datore di lavoro.
Lo sconto sarà applicato solamente nel percorso necessario per spostarsi tra casa e luogo di lavoro, grazie al telepass, che sarà distribuito gratuitamente sia agli utenti pendolari dell’autostrada Aosta Pont-Saint-Martin, che a quelli dell’Aosta -Courmayeur.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte