Per il Brandy René de Challant Levi arriva la medaglia di bronzo

L'importante riconoscimento al World Brandy Awards in Inghilterra. Il Brandy René de Challant ha ricevuto la Medaglia di Bronzo nella categoria brandy invecchiati 2-3 anni. Tra i giudici che compongono il panel dei World Brandy Awards vi sono giornalisti internazionali di spicco, rivenditori specializzati di bevande ed esperti del settore.
Brandy Levi
Società

Nuovo e importante riconoscimento per la distilleria Levi. Al World Brandy Awards, in Inghilterra, il Brandy René de Challant ha ricevuto la Medaglia di Bronzo nella categoria brandy invecchiati 2-3 anni. Tra i giudici che compongono il panel dei World Brandy Awards vi sono giornalisti internazionali di spicco, rivenditori specializzati di bevande ed esperti del settore.

“Il Brandy René de Challant è l’ultimo arrivato in casa Levi, e si rifà a una leggenda che ha radici lontane nel tempo.  – spiega una nota – Si narra infatti che, nel 1559, notti buie e tempestose tormentassero il Ducato di Aosta: le truppe del Re di Francia accerchiavano la Valle e l’occupazione era ormai imminente. Tuttavia, un giovane nobile, René, conte di Challant, barone di Aymavilles, signore di Châtillon, Ussel, Saint-Marcel, Graines, Verrès, grazie al suo talento diplomatico riuscì ad evitare il peggio e a far ritirare le truppe di Re Enrico II”.

La Distilleria Levi oggi gli dedica questo Brandy, distillato a Quart con un alambicco discontinuo a bagnomaria. Ottenuto a partire da uve di Chardonnay e Cornalin coltivate in Valle d’Aosta dall’Azienda Agricola Rosset Terroir, il distillato viene poi invecchiato per più di 12 mesi in tonneaux di rovere nella barricaia Guglielmo Levi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte