Società di Alessandra Borre |

Ultima modifica: 28 Dicembre 2019 10:43

Qwarzo vince il National Geographic Award

Aosta - La startup, in parte valdostana con il suo CEO Manuel Milliery, è stata premiata al National Geographic Award come migliore soluzione contro l'inquinamento degli oceani.

Qwarzo National Geographic Awards Credit Sam KittnerQwarzo National Geographic Awards Credit Sam Kittner

Continua la cavalcata della startup Qwarzo verso riconoscimenti sempre più prestigiosi. Dopo la sua nascita ecco arrivare il primo riconoscimento internazionale che lancia la giovane azienda tra i grandi nomi della rivoluzione ecologica del nuovo millennio. A Manuel Milliery, CEO valdostano della startup, e al suo team è stato consegnato il premio National Geographic per la categoria “World Best Solution Against Ocean Plastic Pollution“. In sostanza, la rivista scientifica, punto di riferimento per molti del settore, ha nominato la neonata azienda come ideatrice della migliore soluzione contro l’inquinamento da plastica negli oceani.

Selezionati da un gruppo di quasi 300 team provenienti da tutto il mondo, i vincitori e i secondi classificati, per ciascuna delle categorie, condivideranno il premio di 300.000 dollari per implementare i progetti volti a ridurre la quantità di plastica monouso negli oceani.

E, in effetti, le idee rivoluzionarie di Qwarzo, se concretizzate come sta avvenendo, potrebbero davvero cambiare il mondo delle componenti di plastica monouso. Per la categoria “progettazione”dei National Geographic Award ha vinto Qwarzo (con sede in Francia), che sta sviluppando una tecnologia innovativa per produrre un materiale biodegradabile, compostabile e riciclabile al 100% che potrà essere utilizzato per sostituire completamente e a costi ridotti la plastica monouso utilizzata per molti prodotti tra cui cucchiaini di caffè, stoviglie, cannucce e tanto altro.

Entusiasta Manuel Milliery che cerca di celare l’orgoglio con un po’ di sana ironia: “Che posso dire di questo riconoscimento? È bellissimo! Per dirlo alla valdostana, è il bosquet della finale regionale o, più laicamente, è un po’ come vincere la Champions League. Abbiamo iniziato quest’avventura di Qwarzo un anno fa, a dire il vero, Luca, l’inventore della formula di Qwarzo, ha iniziato 25 anni fa. Ci siamo iscritti da subito a questo concorso di National Geographic che cercava la migliore soluzione per eliminare il problema dell’inquinamento della plastica negli oceani. Ogni mese una revisione dei progressi e a giugno, siamo stati selezionati tra i finalisti. Il concorso non è riservato alle startup, ma a tutte le aziende grandi e piccole e alcuni dei nostri concorrenti avevano davvero le spalle grosse”.

Il percorso per arrivare a questo risultato non è stato immediato o semplice, tutt’altro, si tratta di un lavoro intenso di mesi di progetti e report: “Da giugno a Novembre abbiamo continuato a fare report sull’avanzamento del progetto e delle tecnologie, dopo di che la fase finale a Washington DC: un pitch davanti ad una giuria mondiale di esperti di tutti i tipi. Dieci minuti di presentazione e poi una serie di domande e una lunga discussione, un po’ come una tesi di laurea, ma molto più cattiva e dove non ci si può preparare, perché non esiste il manuale su come rimpiazzare con successo la plastica con la carta”.

Il giorno dopo la presentazione toccava alla commissione riunirisi e deliberare: Qwarzo viene premiata contro temibilissimi avversari, con un’argomentazione davvero sorprendente e lusinghiera da parte della giuria: “Le dimensioni dell’impatto che potrebbe avere Qwarzo sono globali e l’adozione massiva porterebbe esattamente ad avere un oceano pulito e un’economia circolare, inoltre l’impatto non si limiterebbe solo al packaging”.
Oltre al riconoscimento, per Qwarzo questa è un’importante opportunità di fare network e di creare una rete con altre aziende del settore: “Al di là delle sinergie createsi con gli altri concorrenti, sono arrivate fin dal giorno successivo tante richieste, i segnali sono estremamente incoraggianti. Aver vinto questo premio non è solo un grande riconoscimento per tutta la squadra (Luca, Gabriele, Maurizio e Diana), ma l’occhio del mondo che si posa su Qwarzo attraverso la rivista di divulgazione scientifica più famosa al mondo è qualcosa di davvero importante. Nell’industria questo è un bollino di garanzia: qualità, serietà, validazione tecnica e scientifica, dettaglio che ci sta aprendo tantissime porte e dando quella credibilità che, da giovane azienda, ci è mancata fin qui”.
Qwarzo non si ferma più e la concretizzazione dell’intero progetto è alle porte: partirà da Brescia, ma l’augurio è quello di spingersi sempre oltre:” Questo premio ci dà vigore e lancia il nostro 2020, a gennaio lanceremo uno o due nuovi prodotti e per la fine di marzo l’obiettivo è di riuscire ad arrivare sui mercati USA e Giappone“.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>