FOTOSocietà

Ultima modifica: 17 Dicembre 2020 10:34

Riaprono bar e ristoranti in Valle d’Aosta in un clima però di totale incertezza

Aosta - Tra preoccupazioni per un nuovo lockdown e la speranza nella ripartenza, bar e ristoranti riaprono nel giorno più atteso.

Il giorno più atteso, da esercenti e clienti, tra paure e speranze, oggi i bar e i ristoranti della regione riaprono le loro porte. Non tutti.

Tra chi è speranzoso in una ripresa certa e sicura e chi teme per le voci che circolano circa una probabile chiusura a giorni, oggi Aosta, e la regione tutta, si sono risvegliate in un clima di normalità da tempo atteso. Secondo i dati di Confcommercio ad Aosta e nella Plaine hanno riaperto l’80% circa delle attività, in tutta la regione il 60% circa, ma il dato è influenzato dalle strutture presenti sulle piste da sci.

Le preoccupazioni più grandi arrivano da chi fa servizio di ristorante e in  questo clima di incertezza naviga a vista, come ci racconta Michela Latini, del Laboratorio Latini di Aosta, noto bar della movida aostana: “Psicologicamente siamo in ginocchio, ci hanno annientati con questa confusione e con queste regole che si capiscono solo a metà. Per noi il problema principale è sapere se possiamo riprendere con i fornitori o meno, se possiamo fare un pensiero sul lungo termine o no e questo non è un problema secondario”.

La stessa paura anche per il gestore Sandro Anastasio della celebre pizzeria Grotta Azzurra, che cerca di restare positivo, ma comunque realista: “Solo con il pranzo sarà molto difficile resistere, non mi salverò mai lavorando con una fascia oraria così ristretta. Noi lavoriamo con materie prime fresche, come faccio a fare calcoli e previsioni se non si sa nulla? Cerchiamo di essere positivi, ma è davvero complicato”.

Riapertura bar e ristoranti Alpanino
Riapertura bar e ristoranti Alpanino

E mentre il rito della colazione aostana, con i dehors finalmente popolati e i caffè fumanti serviti al tavolo, si consuma, c’è chi decide comunque di non aprire e restare chiuso o effettuare il servizio di take away e delivery che comunque ha permesso di resistere in un periodo buio, come la paninoteca Al Panino: “Amici, avremmo voluto annunciarvi che da domani avremmo riaperto le nostre porte per accogliervi e deliziarvi a pranzo, purtroppo, visto il clima di incertezza delle ultime ore abbiamo deciso di continuare con i servizi di take-away e delivery, che grazie a voi, stanno riscuotendo un grandissimo successo!”. Stessa idea quella del ristorante Hirondelles di Arpuilles, che continuerà solo con l’asporto e che lamenta una confusione da parte di chi dovrebbe decidere: “Arancioni, gialli, aperti, chiusi, Natale sì, Natale no, chiudi tutto, apri tutto. La confusione è tanta, l’oracolo non risponde e quindi, dopo giornate di sudate riflessioni, abbiamo deciso che da mercoledì non apriremo. Questa scelta pesa come un macigno per ovvie ragioni (dobbiamo e vogliamo lavurà), ma non riteniamo di essere nelle condizioni di poter garantire la vostra sicurezza, cosa che rimane comunque la nostra prima priorità. Saremo comunque operativissimi con take away e delivery”.

Positività da parte di alcuni bar aostani che si dicono comunque felici di aprire finalmente dopo un lungo periodo di stop, ma obiettivi nel constatare che la situazione non è ottimale, come racconta Salvatore Righero, del Beautiful Pub di Aosta: “Siamo felici di poter ritrovare la nostra clientela e lavorare, anche se ci rendiamo conto che lo spettro di una nuova chiusura fa paura: come posso non fare un toast a un cliente perché devo utilizzare merce che poi non so se dovrò buttare o tenere per me? Questo complica il lavoro e il pensiero sereno di tornare a lavorare, ma comunque cerchiamo di rimanere positivi e sperare che tutto vada per il meglio. Ovviamente siamo spaventati, ma fiduciosi e con il sorriso!”.

In un capoluogo regionale non tranquillo la paura principale resta la poca lungimiranza di norme, regole, dichiarazioni, ma soprattutto piani per il futuro a breve termine e lo spauracchio delle feste in lockdown rimane.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo