Riprendono i contributi per l?acquisto del decoder digitali

Dal 16 aprile prossimo in Valle d?Aosta switch off per Rai2 e Rete4. I due canali saranno oscurati sull?analogico e saranno visibili sono attraverso il decoder digitale. In una lettera l?Assessorato regionale alle Finanze informa...
Società

Dal 16 aprile prossimo in Valle d?Aosta switch off per Rai2 e Rete4. I due canali saranno oscurati sull?analogico e saranno visibili sono attraverso il decoder digitale. In una lettera l?Assessorato regionale alle Finanze informa che per usufruire del contributo ministeriale di 70 euro per l’acquisto dei decoder, gli utenti di Aosta e dei 16 comuni limitrofi interessati dalla transizione dovranno esibire gli estremi della regolarità del proprio abbonamento Rai, un documento di riconoscimento e il proprio codice fiscale. La lista dei rivenditori è disponibile su internet o al numero verde 800022000, che può essere consultato per ogni ulteriore esigenza di informazione.
Nella nota l?Assessorato del Bilancio, Finanze, Programmazione e Partecipazioni regionali e il Ministero delle Comunicazioni, evidenziano inoltre che ?sono informati del disguido che si è verificato per un errore di allineamento nella stampa, curata da Poste Italiane, degli elenchi degli abbonati Rai che ancora non hanno usufruito di alcun buono di acquisto. Gli esercenti interessati sono stati prontamente avvertiti dell?accaduto?.

Venerdì 30 marzo, alle ore 11.30, nel Salone delle manifestazioni di Palazzo regionale, ad Aosta, saranno illustrate, inoltre, all?Associazione albergatori Valle d?Aosta, ai rivenditori, ai tecnici installatori e agli amministratori condominiali, le modalità del passaggio alla tecnologia digitale delle trasmissioni televisive di RAI2, Retaquattro e QOOB, previsto per il 16 aprile, nel comune di Aosta e in altri 16 comuni valdostani. Saranno presenti all’incontro rappresentanti del Ministero delle Comunicazioni e dell?Associazione DGTVi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte