Ristoratori e cuochi a lezione di alimentazione per celiaci

Anche per il 2016 l'Usl e l'Assessorato regionale alla Sanità organizzano un corso di formazione rivolto a operatori del settore turistico. In Valle secondo l'ultimo dato disponibile del 2014 sono 444 le persone affette da questa patologia.
Società

Sono 450 circa i celiaci censiti in Valle d’Aosta, secondo l’ultima rilevazione del 2014. Un dato che secondo Paola Florio, presidente della sezione Valle d’Aosta dell'Associazione celiaci rappresenta solo “la punta di un iceberg perché la malattia è difficile da diagnosticare visto che presenta sia sintomi tipici che atipici”. Secondo le statistiche nazionali altri 6/700 valdostani potenzialmente potrebbero avere questa patologia, la maggior parte dei quali donne. 

La nostra regione è da tempo impegnata per offrire ai celiaci una vita sociale ovvero la possibilità di mangiare nei ristoranti continuando a seguire la dieta senza glutine. 

Anche quest’anno l’Assessorato regionale alla Sanità e l’Azienda Usl organizzano un corso di formazione sulla celiachia rivolto a ristoratori e cuochi che intendono produrre alimenti non confezionati per la somministrazione e vendita diretta al consumatore finale. 

“Investiamo in questo campo per abbattere la diversità” sottolinea l’Assessore regionale alla Sanità, Laurent Viérin. La Valle d’Aosta assegna un buono di 140 euro al mese ai soggetti celiaci per l’acquisto di prodotti senza glutine.  Il corso di formazione, teorico/pratico della durata di 4 ore si svolgerà nelle giornate del 7, 14 e 21 dicembre presso il salone Tzanté de Bouva di Fenis.

“E’ un’iniziativa arricchente per l’offerta turistica ed è anche una scelta commerciale per l’imprenditore che così può andare a pescare una nuova fetta di mercato” spiega Filippo Gérard, presidente Adava. 

Per prendere parte al corso è possibile compilare la scheda pubblicata sul sito dell’azienda Usl www.ausl.vda.it e inviarla per posta elettronica a acovarino@ausl.vda.it entro il 2 dicembre. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società