Un nuovo rifugio all’Alpe Chaligne di Gignod. A Etroubles si inaugura invece un nuovo bivacco

Un nuovo rifugio di media montagna permette da qualche giorno di godere il piacere della montagna e dei suoi panorami. L'Alpe Chaligne, questo il nome della nuova struttura, domina la piana di Aosta, ed è stata...
Società

Un nuovo rifugio di media montagna permette da qualche giorno di godere il piacere della montagna e dei suoi panorami.
L’Alpe Chaligne, questo il nome della nuova struttura, domina la piana di Aosta, ed è stata realizzata trasformando una vecchia ed inutilizzata costruzione. Dotata di pannelli solari per garantire un’ecologica produzione di acqua calda nonché l’integrazione del sistema di riscaldamento nei periodi meno caldi, il ristorante propone piatti e prodotti della tradizione valdostana puntando in particolare sui prodotti caseari degli alpeggi attivi nella zona.
A disposizione degli ospiti diverse tipologie di camere tutte con servizi privati: 36 posti letto suddivisi in 2 camere da 6 di cui una agibile a portatori di handicap; una camera da 4; una camerata da 14, agibile a portatori di handicap e un’area bivacco invernale con 6 posti letto.
Per gli escursionisti il rifugio può rappresentare il campo base per numerose escursioni verso gli alpeggi, seguendo itinerari guidati. Il rifugio può essere raggiunto anche in mountain bike seguendo un percorso di circa 5 chilometri su strada sterrata.
Per raggiungere l’Alpe Chaligne, a 1943 metri di quota, nel comune di Gignod, bisogna partire dalla frazione di Buthier si raggiunge l’Alpe Mendey fino ad imboccare il sentiero ‘3A’ . Dopo poco meno di un’ ora e mezza vi troverete all’Alpe Chaligne, tipica costruzione di montagna in pietra e legno per la cui realizzazione e’ stata posta particolare attenzione all’ aspetto eco-ambientale e al rispetto dell’architettura pre-esistente, con ampio recupero di materiali locali.

Si inaugurerà, invece, domenica 16 luglio prossimo il ?Bivacco Molline? nel territorio del comune di Etroubles, intitolato alla memoria di Giorgio Masegna deceduto l’11 settembre 1966 durante l’ascensione al Mont Velan. La costruzione del bivacco rientra nel progetto “Randò sans Frontières” realizzato dal Comune di Etroubles in collaborazione con la Comunità montana Grand Combin nell’ambito del programma Intterreg Vallese – Valle d’Aosta.
Alle 9,00 è prevista la partenza a piedi da Plan Trecoudette, mentre alle 11,00 verrà celebrata la Santa Messa. Alle 12,30, pranzo con polenta et fricandò.
Sarà a disposizione un elicottero, per le persone più anziane, a partire dalle 10,00 fino alle 10,30. E’ possibile prenotarsi telefonando allo 0165 789101.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società