Usl, presentati i tre nuovi primari. Domani entreranno in servizio

Entreranno in servizio già domani i tre nuovi dirigenti medici che siederanno alla guida di Pediatria e Neonatologia, Medicina e Chirurgia d’Accettazione d’urgenza e Chirurgia generale, ovvero i dottori Maria Rita Gallina, Stefano Podio e Paolo Millo.
Da sx Millo, Gallina, Pescarmona, Nebiolo e Podio
Società

Entreranno in servizio già domani i tre nuovi dirigenti medici nominati poco più di un mese fa, e che si siederanno alla guida della Struttura complessa di Pediatria e Neonatologia, Medicina e Chirurgia d’Accettazione d’urgenza ed emergenza territoriale e quella di Chirurgia generale, ovvero – rispettivamente – i dottori Maria Rita Gallina, Stefano Podio e Paolo Millo.

Presentati oggi in conferenza stampa, l’occasione è stata quella di parlare del futuro delle rispettive strutture e di alcune criticità.

Il “cappello introduttivo” è toccato al dottor Angelo Pescarmona, Commissario dell’Usl: “I tre nuovi primari – spiega – completano l’assetto organizzativo aziendale che consente di rispondere al meglio alle esigenze di cura sia in termini di qualità che di quantità”.

Risposta che va anche nella direzione della programmazione: “I nostri neo direttori – prosegue il Commissario – sono nel ‘range’ dei 50enni, primari che quindi hanno davanti a loro un bel po’ di anni per impostare innovazioni nelle strutture a breve, medio e lungo termine”.

Una Struttura sempre più legata ai pediatri di famiglia

L’avventura ad Aosta è nuova per Maria Rita Gallina, 58enne novarese, che spiega: “Porto qui la mia esperienza soprattutto in ambito neonatologico, e so che qui la struttura ha già un’ottima base. Credo che si debba lavorare verso una ‘umanizzazione’ delle cure, e mi piacerebbe fare di Aosta un punto di riferimento per i futuri specializzandi”.

Troppo presto per individuare criticità nella Struttura, Gallina passa agli obiettivi della sua Direzione: “È importante – conclude – la collaborazione con i pediatri di famiglia, che so essere già buona qui. Spero di continuare in questa direzione”.

L’allievo di Parini alla guida della struttura-chiave

Chirurgia generale è la struttura “nevralgica” dell’ospedale regionale, alla cui guida siede ora Paolo Millo già responsabile della Chirurgia bariatrica e, dal 7 settembre scorso, Direttore temporaneo della stessa Struttura.

Ma, anche, allievo di Umberto Parini: “Dobbiamo continuare con le attività di punta della Chirurgia – spiega –, ovvero quella oncologica, bariatrica e di parete, ma anche quella d’urgenza, con grande attenzione al personale, per avere un reparto unito che faccia il bene esclusivo del paziente”.

Due le criticità sulle quali Millo intende lavorare: “Dobbiamo cercare di ottimizzare le liste d’attesa per gli interventi, discorso complesso che coinvolge tantissimi attori ed è legato alle disponibilità limitate, a livello nazionale, di anestesisti”.

Altro punto quello tecnologico: “Stiamo lavorando sul parco tecnologico perché la chirurgia oggi si centra su questo aspetto. Stiamo lavorando per un aggiornamento importante delle sale operatorie”.

Chirurgia d’Accettazione d’urgenza ed emergenza, l’obiettivo è coprire tutto il territorio

Ad Aosta da lungo tempo è anche il neo Direttore di Chirurgia d’Accettazione d’urgenza ed emergenza territoriale Stefano Podio, che sull’evoluzione del sua Struttura ha le idee chiare: “È fondamentale in una regione come questa avere un sistema di emergenza/urgenza capillare sul territorio. Più di metà dei nostri medici è in grado di lavorare anche fuori dal Pronto Soccorso, ed è necessario che i due discorsi qui siano un tutt’uno”.

Per Podio è fondamentale la velocità: “Un mese fa abbiamo attivato la Posta pneumatica per velocizzare il sistema, e rinnovato quello relativo agli Ecg e la telemetria”.

Anche la sua Struttura, però, ha qualche problema di “numeri”: “Purtroppo oggi – prosegue il neo Direttore – escono pochi specializzandi. Presto acquisiremo un nuovo medico, ma il problema è quello di trovare nuovi specialisti giovani. Essendo noi un centro di formazione, comunque, partiremo con un corso ‘Met’, ovvero ‘Medici di Emergenza Territoriale”.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società