Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 11 Luglio 2021 12:47

Charlotte Bonin convocata alle Paralimpiadi di Tokyo: “Un’emozione come la prima volta”

Aosta - Dopo Pechino e Rio de Janeiro, la 34enne di Gressan sarà anche a Tokyo – oltre ad Eleonora Marchiando – come guida di Anna Barbaro nel paratriathlon.

Charlotte Bonin e Anna Barbaro foto Comitato Italiano ParalimpicoCharlotte Bonin e Anna Barbaro foto Comitato Italiano Paralimpico

Pechino nel 2008, Rio de Janeiro nel 2016, Tokyo nel 2021. L’avventura a cinque cerchi di Charlotte Bonin non si ferma e riparte dalla terra del Sol Levante e, dopo due Olimpiadi, la 34enne di Gressan è pronta a rimettersi in gioco ed affrontare la sua prima Paralimpiade, così come Eleonora Marchiando si appresta a sperimentare la sua prima Olimpiade.

L’avventura era cominciata poco più di due anni, ed ora la sfida è stata vinta: Bonin sarà impegnata insieme ad Anna Barbaro, atleta non vedente con la quale ha conquistato la convocazione nel paratriathlon in virtù dei risultati ottenuti negli ultimi anni. “Quando ho visto il mio nome nelle convocazioni mi sono emozionata come la prima volta”, racconta. “Questa volta sarà diverso perché sarà un’esperienza condivisa, sarò la guida di Anna, i suoi occhi, e questo mi dà un’altra responsabilità, subentra l’aspetto umano”.

La gara

750 metri a nuoto, 20 km in tandem e 5 km di corsa: gli ingredienti per fare bene ci sono, Anna e Charlotte sono quinte nel ranking mondiale e la medaglia non è un sogno così proibitivo: “Siamo molto competitive nel nuoto ed in bicicletta, il nostro tallone d’Achille è la corsa. La spagnola Susana Rodriguez è un gradino sopra tutte, ma con altre tre o quattro possiamo giocarci la posizione sul podio. È un obiettivo alto ma non impossibile”, continua l’atleta delle Fiamme Azzurre.

Essere la guida di un’altra persona implica un rapporto di fiducia che deve essere al 100%, e su questo Charlotte ed Anna sono ormai rodate da tre anni di affiatamento: “Per le mie precedenti Olimpiadi la vera pressione era riuscire a qualificarmi, poi una volta lì non l’ho sentita particolarmente. Qui la sento anche in allenamento, sotto un certo punto di vista. Anna patisce molto le gare già un paio di giorni prima, in questo è molto simile a com’ero io ma cerco di tranquillizzarla, anche se in realtà sotto sotto non sono tranquillissima neanche io”, dice ridendo.

Charlotte Bonin ed Anna Barbaro si giocheranno il sogno paralimpico sabato 28 agosto, dopo 8 giorni di “bolla” a Tokyo con tamponi quotidiani ed allenamenti solo indoor. Prima, due raduni a Livigno in preparazione.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo